I metodi naturali per una sessualità davvero responsabile

Matrimonio-300x200

In tema di sessualità, la proposta della Chiesa non è soltanto un sano autocontrollo del proprio corpo, ma anche l’utilizzo dei metodi naturali, proprio finalizzati a salvaguardare la vita e perseguire una vera sessualità responsabile e rispettosa.

L’approfondimento della conoscenza di tutto questo è l’obiettivo del Corso di aggiornamento “Regolazione naturale della fertilità e salute della donna: valore scientifico, umano e sociale dei metodi naturali”, riservato a medici, ostetriche, infermieri, psicologi, biologi, farmacisti, fisioterapisti, educatori professionali, promosso dal Centro Studi per la Regolazione Naturale della Fertilità (RNF) dell’Università Cattolica di Roma e dall’Istituto Scientifico Internazionale Paolo VI (ISI).

«I moderni metodi naturali», – ha spiegato la coordinatrice del Corso, Aurora Saporosi, del Centro Studi per la RNF della Cattolica di Roma, «ancora oggi poco conosciuti e valorizzati, sono in grado di svolgere un importante ruolo nella prevenzione e nella tutela della salute della donna e della vita nascente. Ciò è possibile, sia dal punto di vista biologico, attraverso la loro à diagnostica, sia attraverso la educativa che i metodi naturali possiedono e trasmettono, proponendosi come stile di vita positivo e responsabilizzante nell’esercizio della sessualità». Oggi, grazie al progresso tecnologico, con un uso corretto essi hanno un’efficacia tra il 95% e il 99,7% per monitorare i momenti di fertilità e infertilità. Qui per avere maggiori informazioni, le iscrizioni dovranno pervenire entro giovedì 24 maggio 2012.

Purtroppo anche su questo argomento il pensiero della Chiesa è (volutamente) completamente equivocato, come ha detto Giovanni Paolo II: «il pensiero cattolico è sovente equivocato, come se la Chiesa sostenesse un’ideologia della fecondità ad oltranza, spingendo i coniugi a procreare senza alcun discernimento e alcuna progettualità. Ma basta un’attenta lettura dei pronunciamenti del Magistero per constatare che non è così». Nessuno ha mai parlato di sessualità, dono di Dio, solo per la procreazione.

«In realtà», ha continuato papa Wojtyla, «nella generazione della vita, gli sposi realizzano una delle dimensioni più alte della loro vocazione: sono collaboratori di Dio. Proprio per questo sono tenuti ad un atteggiamento estremamente responsabile. Nel prendere la decisione di generare o di non generare gli sposi devono lasciarsi ispirare non dall’egoismo né dalla leggerezza ma da una generosità prudente e consapevole, che valuta le possibilità e le circostanze, e soprattutto che sa porre al centro il bene stesso del nascituro. Quando dunque si ha motivo per non procreare [motivi medici, eugenetici, economici e sociali, nda] questa scelta è lecita, e potrebbe persino essere doverosa. Resta però anche il dovere di realizzarla con criteri e metodi che rispettino la verità totale dell’incontro coniugale nella sua dimensione unitiva e procreativa, quale è sapientamente regolata dalla natura stessa nei suoi ritmi biologici. Essi possono essere assecondati e valorizzati, ma non violentati con artificiali interventi».

[Fonte: UCCR, 20.05.12]
 

Leggi anche:

Papa sull’Humanae Vitae: solo gli occhi del cuore comprendono le esigenze di un grande amore che sa donare senza riserve

Differenza tra contraccezione e il percorso dei metodi naturali (Amici Domenicani)

La profonda differenza tra contraccezione e metodi naturali (Amici Domenicani)

Chiesa, sessualità e metodi naturali: un convegno a Verona

L’Osservatore Romano: «la Chiesa è favorevole al controllo naturale della fertilità»

I Metodi Naturali > Le motivazioni cristiane

L’insegnamento di Giovanni Paolo II sull’amore umano

Due in una carne. Chiesa e sessualità nella storia

I metodi naturali per regolare la fertilità sono efficaci al 95-99%