Miserando atque eligendo

578537_467948126606539_176869028_n

IL PROBABILE STEMMA DI PAPA FRANCESCO E IL SUO SIGNIFICATO PIENO DI AMORE E MISERICORDIA
 
Al momento attuale il motto episcopale di Bergoglio è Miserando atque eligendo che, tradotto alla lettera, suona come “di cui aver misericordia e da eleggere”. Non è un invito a farsi eleggere, come è successo nella realtà.

La frase viene da un’omelia di san Beda il Venerabile (672-735) a commento del brano del Vangelo di Matteo:

Vidit ergo Iesus publicanum, et quia miserando atque eligendo vidit, ait illi, Sequere me. Sequere autem dixit imitare. Sequere dixit non tam incessu pedum, quam executione morum

La traduzione ufficiale italiana di questo passo è:

Gesù vide un uomo, chiamato Matteo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi» (Mt 9, 9). Vide non tanto con lo sguardo degli occhi del corpo, quanto con quello della bontà interiore. Vide un pubblicano e, siccome lo guardò con sentimento di amore e lo scelse, gli disse: «Seguimi». Gli disse «Seguimi», cioè imitami. Seguimi, disse, non tanto col movimento dei piedi, quanto con la pratica della vita. Infatti «chi dice di dimorare in Cristo, deve comportarsi come lui si è comportato» (1 Gv 2, 6).

Come si legge sul sito Cantuale Antonianum, “Gesù ha guardato Jorge Mario Bergoglio con misericordia e l’ha scelto di nuovo, l’ha scelto non per essere Matteo – uno degli apostoli, come finora è stato – ma per essere Pietro: colui che per primo deve seguire Gesù e diventare guida di tutti gli altri discepoli e apostoli.
Il Nome di Gesù, insegna francescana diventata simbolo della Compagnia fondata da Ignazio di Loyola campeggia sullo stemma del nuovo Papa, come un sole da cui si sprigionano le lettere del Nome santissimo”.

Viva il Papa!

Un commento su “Miserando atque eligendo

  1. driuorno ha detto:

    L’ha ribloggato su BABAJI.

I commenti sono chiusi.