Bene e male

1005791_508862652531943_1433762758_n

di Angelo Busetto
27-07-2013

Espose loro un’altra parabola, dicendo: “Il regno dei cieli è simile a un uomo che ha seminato del buon seme nel suo campo. Ma, mentre tutti dormivano, venne il suo nemico, seminò della zizzania in mezzo al grano e se ne andò. Quando poi lo stelo crebbe e fece frutto, spuntò anche la zizzania”. (Mt 13,24-26)

La convivenza di bene e di male segna tutta la storia dell’umanità. Non vale scandalizzarci per la presenza del male. Bene e male tuttavia non sono due ‘princìpi’ di uguale potenza, così come non sono uguali Dio e satana. Dio è il creatore, e ha messo dentro il cuore dell’uomo una positiva energia di bene. Inoltre, il Figlio di Dio che si fa uomo in Gesù, diventa il redentore che riscatta e rilancia. Occorre dunque fidarci dell’energia originaria che il Signore ha posto dentro il nostro cuore, e della grazia con la quale Egli ci permette sempre di ricominciare.
Ogni giorno possiamo nuovamente seminare nella nostra vita, nella vita dei figli, degli amici e di chi ci incontra, il bene della carità, della misericordia, della fiducia in Dio. Il bene è destinato a vincere il male: “Se Dio è per noi, chi sarà contro di noi?”
 
Fonte: lanuovabq.it