“Tiene il suo bimbo!” – il video musicale che ha salvato tre bambini

JohnElefante_video_prolife-615x380

Quando il vincitore di diversi Grammy award John Elefante, cantante e produttore, ha iniziato a scrivere il testo della sua canzone “This Time”, non aveva alcuna intenzione di scrivere una “canzone pro-life” e certamente non avrebbe mai pensato che la canzone avrebbe potuto salvare la vita di nessuno. Pensava solo di scrivere un buon testo per il suo nuovo album.

John, l’ex cantante della rock band del Kansas, prolifico produttore discografico e convertito al Cristianesimo, ha dichiarato a LifeSiteNews.com in una recente intervista telefonica che quando si siede a scrivere i testi, ha già il resto della la canzone praticamente registrata.

John sentì che quella melodia crescente si prestava a testi che raccontavano una storia. E così chiuse gli occhi e pregò, dicendo: “Signore, donami qualcosa, molto, davvero molto potente per questa canzone“.
Quando aprì gli occhi, iniziò a scrivere.

“Si sedette al freddo nella sala d’attesa, spaventata e sola”, scrisse. Poi andò al microfono e ha cantato quelle due righe. Poi ne scrisse altre due: “ho guardato il orologio, sapendo che il suo bambino sarebbe presto andato.”
“Ho iniziato semplicemente a scrivere un paio di righe alla volta “, dice “La storia comincia e nasce come da sola”.

Ma questa non era una storia che John stava inventando, lui stava scrivendo la vera storia della sua figlia adottiva, Sami, è venuta al mondo, riuscendo ad evitare l’intervento del bisturi del chirurgo abortista.

“Sono avvenuti due fatti davvero importanti quel giorno”, dice John. La madre la nascita di sua figlia si recò in una clinica nota per le pratiche abortiste, ma poi, in secondo momento, cambiò idea all’ultimo minuto e chiamò sua madre al telefono.

Quando John finito di scrivere il testo, dice di non aver pensato che aveva appena scritto una “canzone anti- abortista” od una canzone che parla di adozione . “Io non lo credevo”, dice, “Non mi è passato per la mente. Stavo solo pensando ‘Grazie Signore per questo bel pezzo di musica che descrive come mia figlia è venuto nel mondo.”

Ed è stato così fino a quando ha ricevuto la versione della canzone definitiva, una volta arrangiata dal suo tecnico del suono, lì che si rese conto che aveva aperto il proverbiale vaso di Pandora. Il modo in cui la canzone era stata adattata sottolineato con forza la sua voce e le parole, e dopo averla ascoltata, John dice di aver compreso che questo sarebbe stato un brano controverso.”

E in quel momento di nuovo pregò. «Signore », disse , «se questa canzone può salvare un bambino, solo uno, uno solo, sarebbe fantastico, perché so che mi hai dato questa canzone per un motivo, mi avete dato questa esperienza per un motivo .”

Dopo aver pubblicato la sua canzone è stato invitato a creare un video musicale per accompagnarla, anche grazie ad una partnership con l’organizzazione on-line pro-life. Il video musicale racconta il testo della canzone, che mostra una giovane ragazza in una clinica per aborti e cosa succede quando ha una visione di sua figlia che cresce.

Finora, Jhon sa di almeno tre casi in cui le madri hanno deciso di scegliere la vita per i loro bambini dopo aver visto il video, che è stato visto quasi 400.000 volte su YouTube.

Una donna che lavora come guardia carceraria scrisse a Jonh raccontandogli che mentre aspettava una detenuta fuori da una visita medica con gli ultrasuoni, ha controllato per passare il tempo la sua posta elettronica e si è imbattuta nel video musicale.
Più tardi, mentre alla guida della macchina sulla via del ritorno, notò come la detenuta sembrasse agitata e le chiese che cos’era successo. La donna rispose che non era sicura di cosa fare a riguardo della sua gravidanza e stava considerando l’ipotesi di abortire.
“Beh, mi sentivo come se Dio mi avesse appena colpito, con la visione del video!”, scrisse la guardia, “Abbiamo guardato il video insieme e lì lei mi ha promesso che avrebbe tenuto il bambino e mi ha ringraziato. Le ho detto di ringraziare Dio, che era la volontà di Dio!”.

In un altro caso, una donna che ha scritto a Jhon tramite YouTube dicendo che aveva inviato il video musicale a suo cugino quindicenne, che stava valutando l’ipotesi di far abortire la compagna. “Mio cugino ha detto che appena lo ha guardato ha iniziato a piangere e non ha più intenzione di abortire, la compagna sta per tenerlo”.

In un terzo caso, John è stato contattato da una ragazza di 20 anni, la cui famiglia minacciava di rinnegarla se non avesse abortito il suo bambino. A questo punto John e alcuni altri sostenitori hanno raccolto le loro risorse e le hanno trovato un posto per vivere con una famiglia amorevole, l’hanno aiutata finanziariamente e si sono occupati della sua assistenza sanitaria.

Recentemente John è stato intervistato sul Huckabee Show e la ragazza era presente tra il pubblico. “Ha intenzione di tenere il suo bambino! ” dice John “Ha già fatto due ecografie. Niente al mondo farà abortire questo bambino, nulla da fare.”

Poi ci sono i messaggi 300 di Facebook e oltre 600 e-mail che John ha ricevuto da spettatori del video che hanno condiviso storie strazianti di aborti o di racconti delle loro madri che hanno detto loro che avrebbe voluto non farli nascere.

Pur essendo John contro l’aborto fin dalla sua conversione nei primi anni 1980, una convinzione che si è cementata dopo aver appreso quanto vicino sua figlia è stata all’essere uccisa, ha comunque poca esperienza nel parlare della questione in pubblico.

Si descrive come un “viaggiatore accidentale” nel mondo dell’attivismo pro-life: un viaggio che lo ha portato a rilasciare interviste sul tema a varie agenzie stampa ed a parlare degli impegni concreti per i centri che si occupano di maternità a rischio.

Dice di essere semplicemente grato che Dio è stato in grado di utilizzare le sue doti particolari per diffondere il messaggio di vita a persone che non sarebbero state altrimenti disposte ad ascoltarlo. “C’è qualcosa che una canzone può fare, qualcosa che per le semplici parole sarebbe impossibile. Testo, musica ed immagini hanno reso questo possibile”.

“Questo è il ruolo che mi ha dato Dio” conclude ” Come sappiamo, Dio opera in modi misteriosi.”

(Leggi l’articolo originale sul sito LifeSiteNews in lingua inglese.)
 


 
[Fonte: Prolife News, 8 dicembre 2013]