Il diavolo, che attende accovacciato alla nostra porta per entrare, si scaccia a colpi di Vangelo

Il diavolo, che attende accovacciato alla nostra porta per entrare, si scaccia a colpi di Vangelo

Dall’Angelus del Papa
di domenica 3 gennaio 2015

«Il Libro della Genesi dice una bella frase […]: dice che il male è “accovacciato davanti alla nostra porta” (cfr 4,7). Guai a noi se lo lasciamo entrare; sarebbe lui allora a chiudere la nostra porta a chiunque altro. Siamo invece chiamati a spalancare la porta del nostro cuore alla Parola di Dio, a Gesù, per diventare così suoi figli». […]

«Specialmente in questo Anno Santo della Misericordia, facciamo sì che il Vangelo diventi sempre più carne anche nella nostra vita. Accostarsi al Vangelo, meditarlo, incarnarlo nella vita quotidiana è il modo migliore per conoscere Gesù e portarlo agli altri. Questa è la vocazione e la gioia di ogni battezzato: indicare e donare agli altri Gesù; ma per fare questo dobbiamo conoscerlo e averlo dentro di noi, come Signore della nostra vita. E Lui ci difende dal male, dal diavolo, che sempre è accovacciato davanti alla nostra porta, davanti al nostro cuore, e vuole entrare».

Papa Francesco

da vatican.va

(fonte: Il Timone)