Audrey Assad

C’è una cantante cattolica negli USA, di grande talento: Audrey Assad. Mi ricorda un po’, sia come voce che come stile, Danielle Rose, un’altra cantante che ho scoperto da poco (qui un suo video).

Nata nel New Jersey, cresciuta in ambiente protestante, nel 2007 decide di convertirsi al cattolicesimo e proprio in quell’anno riceve il battesimo in Florida.

La sua biografia si può trovare a questo link: http://en.wikipedia.org/wiki/Audrey_Assad.

I suoi lavori sono ispirati alla Sacra Scrittura e alla letteratura (le poesie di Gerard Manley Hopkins e di Francis Thompson, le opere di Sant’Agostino e quelle di C.S. Lewis).

La sua voce è straordinaria, deliziose le melodie. La sua musica attira tante persone a causa della sua estrema franchezza e onestà in ogni argomento che affronta, che sia il dubbio, la paura o la speranza. Spesso dice al pubblico che scrive canzoni per predicare a se stessa, sapendo che è lei ad averne più bisogno. Recentemente Audrey ha detto: “Registrare canzoni spirituali è un modo, ancora una volta, per rafforzare le mie radici, per equipaggiare il mio cuore con parole di vita e per dire all’oscuro vuoto dell’incredulità: non mi avrai”.
 
Qui il link ad una playlist dei suoi brani più noti: https://www.youtube.com/watch?v=by55sZHxxMo&list=RDRYuGuxr7MB0&index=2.
 
E qui sotto uno dei pezzi che preferisco:


  Blessed Are The Ones

We’re tossing pennies in the well,
Empty pockets all turned out.
Happy shining blessed are the ones who hunger.

When our poverty is plain,
I’ll try to burn it in my brain
Trace a line around your face to paint a picture.

So further up and further in we have nowhere else to go.
As we plant the seeds of toil and tears
It’s beauty we have sown.

Blessed are the ones,
Oh blessed are the ones,
Blessed are the hungry ones.

Lets build a house with turned out doors,
So we can share what love affords.
Pour ourselves out like a wine that we’ve been saving.

When our well is running dry,
And when we raise our glasses high
And we’re shining on the faces of the thirsty.

So further up and further in we have nowhere else to go.
But you give us seeds of toil and tears
It’s beauty we have sown.

So blessed are the ones,
Oh, blessed are the ones,
Blessed are the thirsty ones.

Yeah

Love is all yeah love is all.
Love is all yeah love is all.
Love is all we need.

So further up and further in we got no place else to go.
And when all we have is what we need its joy that we will sow.

Blessed are the ones,
Oh, blessed are the ones,
Blessed are the hungry ones.

We are blessed, yeah.