«Non temete, voi valete più di molti passeri»

20348_272553498567_94611798567_3473352_5999658_n1

Una meditazione di Isacco di Siria sul Vangelo di oggi (rito romano).

***

Non occorre desiderare o cercare, senza necessità, dei segni visibili, mentre il Signore è sempre pronto a soccorrere i suoi santi. Egli non manifesta senza necessità la sua potenza in un’opera o in un segno visibile, per non attenuare l’aiuto che riceviamo da lui e non nuocerci. In questo modo egli provvede ai suoi santi. Vuole mostrare loro che l’attenzione segreta che porta loro non li lascia un’istante, ma in ogni cosa egli lascia loro condurre il combattimento secondo la misura delle loro forze perché si diano la pena di pregare.

Se una difficoltà però li fa cadere quando sono malati o scoraggiati perché la natura è debole, lui in persona fa tutto quanto è in suo potere perché essi siano aiutati, nel modo giusto che solo egli conosce. Li rafforza segretamente per quanto può, perché abbiano la forza di sopportare le difficoltà. Infatti nella fiducia che dà loro, toglie peso alla loro fatica e mediante la visione di questa fede li spinge a glorificarlo… Tuttavia se è necessario che sia chiarito questo aiuto segreto, egli lo fa, ma solo per necessità. Le sue vie sono di una grande sapienza; esse si manifestano nel bisogno e nella necessità, ma non in modo inopportuno.
 
Isacco di Siria (VII secolo) monaco nella regione di Mossul
Discorsi ascetici, 1a parte, n° 36