La madre di Andrea Bocelli: «Mi dissero abortisci, tuo figlio sarà cieco»

Il racconto a «Domenica In» di Edi Aringhieri, madre del tenore: «Mi dissero che sarebbe nato con una malattia congenita che l’avrebbe portato a perdere la vista. Mi consigliarono di abortire ma non lo feci»
 
di Annalisa Grandi
 
(Corriere della Sera, 22.01.18)
 
«Mi dissero di abortire perché mio figlio sarebbe diventato cieco». Suo figlio, è diventata una delle voci più famose al mondo. Perché quella madre, a cui i medici consigliarono di interrompere la gravidanza, era la mamma di Andrea Bocelli. A raccontarlo è proprio lei, Edi Aringhieri, ospite di “Domenica In”.

Ha raccontato della vita del figlio, di come abbia perso la vista a dodici anni. Ma soprattutto di quella scelta fatta in ospedale, molti anni prima. «Mi ricordo quando mi dissero: abortisci, tuo figlio sarà cieco» racconta la donna. «Arrivai in ospedale a causa di forti problemi al ventre» spiega la madre di Bocelli. In quel momento le dissero che Andrea sarebbe nato con un glaucoma congenito, che lo avrebbe reso ben presto cieco. Ma la mamma del tenore racconta anche di quando, in un ospedale di Torino, il figlio «conobbe un uomo russo grande amante della musica sinfonica, che ascoltava tutto il giorno durante il suo ricovero. Fu allora che Andrea si rese conto di essere ammaliato da quel genere, arrivando persino a non rendersi conto di trovarsi in una clinica. Non si ricordava più di essere in cura, era affascinato dalla musica».

Edi però decise di portare a termine la gravidanza, nonostante il parere contrario dei medici. «Ho voluto raccontare questa storia – ha spiegato – per dare forza alle famiglie che affrontano situazioni simili a quella vissuta da me e dalla mia famiglia».