Se tu sapessi… (Paul Claudel)

Se tu sapessi con quanto amore seguo i tuoi passi
Se tu sapessi con quanto amore
asciugo le tue lacrime
Se tu sapessi con quanto amore
ti prendo per mano affinché tu non cada
Se tu sapessi con quanto amore ti guardo
mentre annaspi nel caos della vita
e ogni istante, minuto, ora
della giornata ti sono accanto.

In ogni tuo respiro prende vita il mio battito d’ali
In ogni tuo sguardo prende vita il mio sorriso
Vorrei volare assieme a te,
e forse un giorno lo faremo
quando sarai consapevole della tua divinità
aprirai le ali e volerai felice
capirai cosa sono, e quanto ti amo.

Ora non volo ma cammino assieme a te
a fianco a te. Io sono il tuo angelo
quello della tua anima, del tuo cuore
quell’angelo che ogni mattina ti sveglia con un bacio
e ogni notte, apre le sue ali per riscaldarti il cuore. Continua a leggere

«Vi fu una Nascita, certamente. Ne abbiamo avuto la prova e mai un dubbio». La poesia dell’Epifania che finalmente ci rivela la patria celeste

483x309 (1)

Uno dei massimo poeti del Novecento, Thomas Stearns Eliot (1888-1965), Premio Nobel per la letteratura nel 1948, compose nel 1927 (poco dopo la sua conversione al cristianesimo) una poesia, Journey of the Magi, qui proposta nella traduzione italiana realizzata nel 2014 da Nicola D’Ugo, poeta, scrittore e traduttore.

Come nel racconto evangelico, i Magi seguono la stella sino al luogo dov’è nato il Salvatore, ma nella poesia tutto è metafora della condizione umana di profondo bisogno, d’incompiutezza, di totale sproporzione rispetto al Dio che si fa uomo in un bimbo piccolissimo. Continua a leggere

Come deve essere un cuore…

images

Il sito Zenit ha da poco creato una rubrica dedicata alle poesia, aperta alle opere dei lettori per dare spazio alle voci emergenti e riaffermare la spontanea vocazione spirituale della parola poetica.
Il 15 novembre scorso la Redazione ha pubblicato una bella poesia scritta dall’amico Crescenzo Marzano (di cui ho recentemente commentato l’ultimo libro: “L’equilibrista di Dio”).
Eccola di seguito:
 

di Crescenzo Marzano
 
Un cuore che vive
deve saper raccogliere il tempo
senza disperdere niente,
anche il dolore
come pioggia battente del momento
in attesa del sereno… Continua a leggere

“Dove Dio fu senza un tetto, tu e io siamo a casa”. Poesia di Natale di G. K. Chesterton

capanna

Una miriade di luci illuminano le nostre strade e soprattutto le nostre case in questo periodo. E dicono che è festa perché la luce è entrata in casa nostra. Abbiamo bisogno di paradossi come quelli che scriveva il signor Chesterton per poter guardare le cose vere con occhio strano quanto basta per continuare a meravigliarci, di giorno in giorno, di anno in anno. Tra le molte poesie sul Natale che Chesterton scrisse, questa, che riporto con una mia traduzione scritta per questa occasione, ci porta dentro quella capanna di Betlemme e ce la fa guardare una volta di più con occhi incuriositi: solo là dove Dio fu senza un tetto, tu ed io siamo a casa:

Laggiù  una madre senza posa camminava,

fuori da una locanda ancora a vagare;

Continua a leggere

La casa sulla Roccia


 
Una suggestiva sintesi del blog nella poesia dell’amico Crescenzo…
 

Quell’ansia addosso

come un temporale,

senza preavviso …

le nubi,

le più scure,

una coperta fradicia

di dubbi e di domande …

e quella mano nera,

umida,

sulla bocca del sole …

che ne spense il sorriso …

un letto di rifiuti

e di rottame,

un fiume in piena ,

pronto a straripare,

a tracimare gli argini …

a confondere giorni e pensieri …

una valanga di immagini

impetuose e tristi,

trascinarono i sogni alla deriva …

un colpo,

una spina nel fianco,

nella carne,

nel cuore,

come un dolore stanco

che lo aspetti

ed arriva …

e mi specchiai,

nell’acqua dei ricordi,

lavai la faccia,

bevvi il mio passato,

calmai il mio cuore,

e ripassai a memoria le parole :

“scavai profondo,

molto profondo,

e posai bene quelle fondamenta …

e costruii la casa sulla Roccia …”

e non ebbi più timore …

(Crescenzo)