Preghiera ai Re Magi

re-magi_r439_thumb400x275 
O perfettissimi adoratori del neonato Messia,
Santi Magi, veri modelli del cristiano coraggio,
che nulla vi sgomentò del gravoso viaggio
e che prontamente al segno della stella
seguiste le divine aspirazioni,
ottenete a noi tutti la grazia che a vostra imitazione
s’abbia sempre di andare a Gesù Cristo
e di adorarlo con viva fede quando entriamo nella sua casa,
e gli offriamo continuamente l’oro della carità,
l’incenso dell’orazione, la mirra della penitenza,
e non decliniamo giammai dalla strada della santità,
che Gesù ci ha insegnato così bene col proprio esempio,
prima ancora che con le proprie lezioni;
e fate, o Santi Magi, che ci si possa meritare dal Divin Redentore
le sue elette benedizioni qui sulla terra
ed il possedimento poi della gloria eterna.
Così sia.
 

Lead, Kindly Light: John Henry Newman sung by Audrey Assad

newman-862x1024

di Robert Cheab

(dal blog Theologhia)
 
Sentire questo poema di Newman cantato così bene, mi ha riportato con la mente ai tempi dello studio della teologia, quando abbiamo fatto un corso prevalentemente su Newman. Durante quel corso, il docente, il caro gesuita p. Michael Paul Gallagher, ci raccontò che il giorno in cui Newman ricevette la notizia della sua nomina a fellow ad Oxford stava suonando il violino. Era così preso dalla musica che non intese del tutto le parole del messaggero e proseguì – dopo essersi accontentato di annuire alla notizia – a suonare come se niente fosse. Solo dopo si accorse di quanto gli è stato annunciato e corse di gioia verso Oxford.

Ecco, me lo immagino così allegro allora a sentire il suo poema più famoso cantato così bene.

Buon ascolto!

Segue sotto il testo del poema in inglese e poi in italiano Continua a leggere

La preghiera al crocifisso di San Damiano

Il-Crocifisso-di-San-Damiano-e-San-Francesco

In un momento particolare della vita, di difficoltà o smarrimento, possiamo rivolgerci al crocifisso, come fece San Francesco (di cui oggi la Chiesa fa memoria) con il crocifisso di San Damiano. Come illumino’ il poverello, possiamo chiedere che Dio illumini anche noi. Francesco recitava questa preghiera già nel 1205-1206, durante il periodo del suo discernimento vocazionale, quando frequentava la piccola chiesa di San Damiano, dove si trovava il Crocifisso bizantino ancora visibile oggi nella Basilica di Santa Chiara ad Assisi.
 
PREGHIERA:

O alto e glorioso Dio,
illumina le tenebre
del cuore mio.
Dammi una fede retta,
speranza certa,
carità perfetta
e umiltà profonda. Continua a leggere

Domenica della Divina Misericordia

Domenica_della_Divina_Misericordia

“Desidero che la prima domenica dopo Pasqua sia la Festa della Mia Misericordia. Figlia Mia, parla a tutto il mondo della Mia incommensurabile Misericordia! L’Anima che in quel giorno si sarà confessata e comunicata, otterrà piena remissione di colpe e castighi. Desidero che questa Festa si celebri solennemente in tutta la Chiesa”. (Gesù a S. Faustina)
 
Buona Festa della Divina Misericordia!!
 

***

 
San Giovanni Paolo II (Karol Józef Wojtyła, 1978-2005) ha voluto che la seconda Domenica di Pasqua fosse denominata Domenica della Divina Misericordia (Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, Decreto Misericors et miserator, 5 Maggio 2000).

Il culto della Divina Misericordia è legato a Suor Faustina Kowalska, la mistica polacca proclamata santa nel corso dell’Anno Santo del 2000, di cui il Santo è stato un fervente devoto, come testimonia la sua seconda Enciclica Dives in misericordia scritta nel 1980 e dedicata alla Divina misericordia. Continua a leggere

Ho sentito il battito del Tuo cuore – Beata Madre Teresa di Calcutta

beata

“Ti ho trovato in tanti posti, Signore.
Ho sentito il battito del tuo cuore nella quiete perfetta dei campi, nel tabernacolo oscuro di una cattedrale vuota, nell’unità di cuore e di mente di un’assemblea di persone che ti amano.
Ti ho trovato nella gioia, dove ti cerco e spesso ti trovo.
Ma sempre ti trovo nella sofferenza.
La sofferenza è come il rintocco della campana che chiama la sposa di Dio alla preghiera.
Signore, ti ho trovato nella terribile grandezza della sofferenza degli altri.
Ti ho visto nella sublime accettazione e nell’inspiegabile gioia di coloro la cui vita è tormentata dal dolore. Continua a leggere

Preghiera all’Immacolata di Papa Francesco

immacolata6r

Vergine Santa e Immacolata,
a Te, che sei l’onore del nostro popolo
e la custode premurosa della nostra città,
ci rivolgiamo con confidenza e amore.

Tu sei la Tutta Bella, o Maria!
Il peccato non è in Te.

Suscita in tutti noi un rinnovato desiderio di santità:
nella nostra parola rifulga lo splendore della verità,
nelle nostre opere risuoni il canto della carità,
nel nostro corpo e nel nostro cuore abitino purezza e castità,
nella nostra vita si renda presente tutta la bellezza del Vangelo.

Tu sei la Tutta Bella, o Maria!
La Parola di Dio in Te si è fatta carne. Continua a leggere

La Novena alla Vergine della medaglia miracolosa

medmirac

“Questi raggi che vedi
sono le grazie
che io spando sulle persone
che me lo domandano”

 
Oggi comincia la novena alla Vergine della Medaglia Miracolosa
 

LA NOVENA

Da recitarsi in preparazione alla Festa del 27 Novembre

O Immacolata Vergine Maria, Madre di Gesù e Madre nostra, compresi dalla più viva confidenza nella tua potentissima intercessione, manifestata così spesso attraverso la Medaglia, noi fedeli tuoi figli, t’imploriamo di ottenerci le grazie e i favori che domandiamo durante questa Novena. Affidiamo a te i bisogni della Chiesa, le intenzioni del Santo Padre, le necessità delle nostre famiglie e del mondo intero. Raccomandiamo in modo particolare alla tua materna intercessione i peccatori, i poveri, quanti soffrono nel corpo e nello spirito. Continua a leggere

Preghiere per le anime del Purgatorio

14 - 1

Che cosa sanno di noi le anime del Purgatorio?

Le anime sanno di noi e di quello che ci capita molto più di quello che noi crediamo. Sanno, per esempio, chi prende parte alla loro sepoltu­ra, se si prega o se si va semplicemente per fare atto di presenza, senza dire una preghiera, cosa che succede sovente. Esse sanno se si va via dopo l’offertorio, senza assistere alla Messa che sarebbe di gran profitto per loro. Se si assistesse con devozione alla funzione, invece di accompagnare solamente il corpo al cimitero, si aiuterebbero maggiormente i defun­ti, poiché, altrimenti, si va solo per essere visti, ciò che è di minimo profitto per loro. Le anime sanno anche tutto ciò che si dice di loro, ciò che si fa per loro; esse sono molto più vicine a noi di quello che crediamo, esse sono vicinissime. Continua a leggere

La preghiera di una moglie per il marito e viceversa. Semplice, diretta, adatta a tutte coppie. Usiamola

483x309 (1)

Vedendo le grandi sfide che pone la vocazione di essere sposi e genitori, padre Evaristo Sada, L.C., ha capito che una grande forma di preghiera delle persone sposate è la preghiera di intercessione. Per questo ha proposto ad alcune coppie sposate d’impegnarsi a recitare tutti i giorni questa preghiera l’uno per l’altro:
 

Signore, ti supplico, concedi al/la mio/a sposo/a

(dire a voce alta il nome)

la grazia di fare esperienza del tuo amore,

e di raggiungere la salvezza eterna alla fine della sua vita.

 

leggi tutto l’articolo su «Aleteia»

fonte: Il timone
 

Preghiera‬ per il creato

11218933_10154129248449528_6709694659567511807_n

Di seguito riporto il testo di una ‎preghiera‬ per il Creato, tratto dall’Enciclica di Papa Francesco ‪‎Laudato Si’.
Un modo semplice e concreto oggi – nella Giornata mondiale per la cura del Creato – per impegnarci nel proposito, sollecitato dal Papa, della salvaguardia della casa comune e del bene comune.
 
Preghiera cristiana con il creato

Ti lodiamo, Padre, con tutte le tue creature,
che sono uscite dalla tua mano potente.
Sono tue, e sono colme della tua presenza
e della tua tenerezza.
Laudato si’! Continua a leggere

Riconosco che tutto da Te viene – Don Giussani

01499_30051998

Di seguito riporto due bellissime preghiere di don Luigi Giussani, gentilmente inviatemi da una cara amica del blog, Carla, che ringrazio di cuore.
 
***
 
Preghiera per quando si è tristi e stanchi

Le due Grazie che il Signore dona sono: la tristezza e la stanchezza.
La tristezza perché obbliga alla memoria.
La stanchezza perché mi obbliga alle ragioni per cui faccio le cose. Continua a leggere

Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria

02 

O Vergine Santa, Madre di Gesù e Madre nostra, che sei apparsa a Fatima ai tre pastorelli per recare al mondo un messaggio di pace e di salvezza, io mi impegno ad accogliere questo tuo messaggio.

Mi consacro oggi al tuo Cuore Immacolato, per appartenere così più perfettamente a Gesù. Aiutami a vivere fedelmente la mia consacrazione con una vita tutta spesa nell’amore di Dio e dei fratelli, sull’esempio della tua vita.

Continua a leggere

Beata Maria Vergine di Pompei

Madonna_del_Rosario_di_Pompei

L’icona della Beata Vergine del Santo Rosario di Pompei (alta cm 120 e larga cm 100) presenta l’immagine della Madonna in trono con Gesù in braccio; ai suoi piedi, san Domenico e santa Caterina da Siena. La Vergine reca nella mano sinistra la corona del Rosario che porge a santa Caterina, mentre Gesù, poggiato sulla sua gamba destra, la porge a san Domenico. In questo quadro si possono riconoscere tre grandi spazi. Lo spazio in alto, nel quale l’umile ma solenne figura di Maria in trono invita la Chiesa a portarsi verso il mistero della Trinità. Lo spazio in basso è quello della Chiesa, il corpo mistico, la famiglia che ha in Gesù il suo capo, nello Spirito il suo vincolo, in Maria il suo membro eminente e la sua Madre. Lo spazio laterale, rappresentato dagli archi, porta al mondo, alla storia, verso cui la Chiesa ha il debito di essere “sacramento”, offrendo il servizio dell’annuncio evangelico per la costruzione di una degna città dell’uomo. La via che unisce questi spazi è il Rosario, sintesi orante della scrittura, posta quasi come fondamento ai piedi del trono, e consegnato dal Figlio e dalla Madre come via di meditazione e assimilazione del Mistero. Continua a leggere

San Giuseppe, sposo di Maria

xsgiuseppe-261x300.jpg.pagespeed.ic.SpisFhgpua

Nella festa di San Giuseppe, sposo di Maria, auguro buon onomastico a tutti coloro che portano questo bellissimo nome, e una buona festa a tutti i papà! Un augurio speciale al mio papà. E uno anche al nostro caro Papa emerito, Benedetto XVI, per il suo onomastico.
 
***
 
19 marzo
 
Questa celebrazione ha profonde radici bibliche; Giuseppe è l’ultimo patriarca che riceve le comunicazioni del Signore attraverso l’umile via dei sogni. Come l’antico Giuseppe, è l’uomo giusto e fedele (Mt 1,19) che Dio ha posto a custode della sua casa. Egli collega Gesù, re messianico, alla discendenza di Davide. Sposo di Maria e padre putativo, guida la Sacra Famiglia nella fuga e nel ritorno dall’Egitto, rifacendo il cammino dell’Esodo. Pio IX lo ha dichiarato patrono della Chiesa universale e Giovanni XXIII ha inserito il suo nome nel Canone romano. (Mess. Rom.) Continua a leggere

Beata Maria Vergine di Lourdes

1506632_10201319514176740_2053474080_n 
Questa memoria si collega alla vita e all’esperienza mistica di Maria Bernarda Soubirous (santa Bernadetta), conversa delle suore di Nevers, favorita dalle apparizioni della Vergine Maria (11 febbraio – 16 luglio 1858) alla grotta di Massabielle. Da allora Lourdes è diventata mèta di intenso pellegrinaggio. Il messaggio di Lourdes consiste nel richiamo alla conversione, alla preghiera, alla carità. (Mess. Rom.)

Martirologio Romano: Beata Maria Vergine di Lourdes, che, a quattro anni dalla proclamazione dell’Immacolata Concezione della beata Vergine, l’umile fanciulla santa Maria Bernardetta Soubirous più volte aveva visto nella grotta di Massabielle tra i monti Pirenei sulla riva del Gave presso la cittadina di Lourdes, dove innumerevoli folle di fedeli accorrono con devozione. Continua a leggere

Novena alla Beata Vergine Maria di Lourdes

28573402

Inizia oggi la novena alla Vergine di Lourdes

(dal 2 al 10 Febbraio)

Ogni giorno della novena ripetere la seguente preghiera:

O Vergine Immacolata, Madre di Misericordia, salute degli infermi, rifugio dei peccatori, consolatrice degli afflitti, Tu conosci i miei bisogni, le mie sofferenze; degnati di volgere su di me uno sguardo propizio a mio sollievo e conforto.
Con l’apparire nella grotta di Lourdes, hai voluto ch’essa divenisse un luogo privilegiato, da dove diffondere le tue grazie, e già molti infelici vi hanno trovato il rimedio alle loro infermità spirituali e corporali. Continua a leggere

Memorare : la preghiera recitata da Madre Teresa di Calcutta in onore della Beata Vergine

memorare_t

Questa preghiera è stata tramandata oralmente dalla tradizione cattolica e la sua origine è incerta. Alla recita di questa preghiera era particolarmente legata la Beata Teresa di Calcutta, che che era solita recitarla per nove volte consecutive ogniqualvolta avesse bisogno di ottenere una grazia dalla Vergine Maria. Alla preghiera del Memorare è legato almeno un miracolo attribuito all’intercessione della Madre di Dio e alla preghiera della Beata Teresa. La Chiesa Cattolica prevede una indulgenza parziale per chi reciti devotamente questa preghiera. Continua a leggere

A pregare si impara pregando, lungo la giornata. L’invito del Papa a riscoprire l’Abc della fede

preghiera

«Quando prego, Dio respira in me». Provare per credere! È questa l’esperienza siglata in apertura del tascabile intitolato Preghiere, donato da Papa Francesco ai fedeli riuniti per la recita dell’Angelus nella terza domenica di Avvento, segnata dal convenire di bambini e ragazzi in piazza San Pietro per la benedizione del bambinello.

Poiché l’ossigenazione dello spirito è frutto della preghiera, il Papa ha rilanciato, anche in tal modo, l’invito a pregare ogni giorno e non solo di domenica a Messa, sapendo che a pregare si impara pregando. E quando non si è capaci di trovare le parole, sono le formule scritte, le preghiere appunto, che allenano il cuore alla preghiera. Continua a leggere

Coroncina per le anime del Purgatorio

1907877_785056818227054_1168461094058763971_n

Gesù, apparendo un giorno a S. Geltrude, disse: “Tutte le volte che liberi una anima dal Purgatorio fai un atto a Me sì gradito, che più non lo sarebbe se riscattassi Me stesso dalla sofferenza. A tempo debito, ricompenserò i miei liberatori, secondo l’abbondanza delle mie ricchezze. I fedeli libereranno un’anima più o meno presto a secondo che pregheranno con più, o meno fervore, e anche a secondo dei meriti che ciascuno avrà acquistato durante la vita”. (Rivelazioni di S. Geltrude, Libro V, Cap. 18). “Le persone che hanno dimenticato le anime purganti vengono a loro volta dimenticate”.

 
Coroncina per le anime del Purgatorio, da recitarsi con la corona del S. Rosario.
 
ALL’INIZIO

Segno della Croce, Pater, Ave, Credo Apostolico Continua a leggere