Bere in adolescenza provoca cambiamenti duraturi nel centro emotivo del cervello

DRINK FOR DRUNK (massimo jose monaco)

(dal blog Orme svelate)
 
Binge drinking in adolescenza ha dimostrato di avere effetti duraturi sul cablaggio del cervello ed è associato ad un aumento del rischio di problemi psicologici e di disturbi dell’alcool più avanti nella vita.
Ora, i ricercatori dell’Università dell’Illinois del Chicago Center for Alcohol Research in Epigenetics hanno dimostrato che alcuni di questi cambiamenti duraturi sono il risultato di cambiamenti epigenetici che alterano l’espressione di una proteina cruciale per la formazione e il mantenimento delle connessioni neurali nell’amigdala – la parte del cervello coinvolta nell’emozione, nella paura e nell’ansia. I loro risultati, che sono basati sull’analisi del tessuto cerebrale umano postmortem, sono pubblicati sulla rivista Translational Psychiatry. L’epigenetica si riferisce alle modifiche chimiche al DNA, all’RNA o alle proteine specifiche associate ai cromosomi che modificano l’attività dei geni senza modificare i geni stessi. Le modificazioni epigenetiche sono coinvolte nel normale sviluppo del cervello, ma possono essere influenzate da fattori ambientali o anche sociali, come l’alcol e lo stress. Questi tipi di alterazioni epigenetiche sono stati collegati ai cambiamenti nel comportamento e nella malattia. I ricercatori hanno esaminato il tessuto dell’amigdala umano postmortem ottenuto dal Centro Risorse per i tessuti cerebrali del New South Wales a Sydney, in Australia. L’amigdala è la parte del cervello coinvolta nella regolazione emotiva. Continua a leggere

I “Paesi più felici” del mondo? Tanti suicidi, violenza sulle donne e alcolismo

Ieri era la Giornata della Felicità e col World Happiness Report, pubblicato alle Nazioni Unite, si sono voluti indicare al mondo i «Paesi più felici», gli esempi, quelli da prendere a modello. La classifica della felicità internazionale, elaborata sulla base di fattori quali diseguaglianze, trasparenza della pubblica amministrazione e politiche sociali, ha visto prevalere la Norvegia sulla Danimarca, che invece lo scorso anno primeggiava. Lontana, solo quarantanovesima, l’Italia. Per fortuna, viene da aggiungere. Sì perché, dovete sapere, vi sono lati oscuri dei Paesi più felici – Norvegia e Danimarca, soprattutto – stranamente non considerati alle Nazioni Unite. Quali?

I suicidi per esempio. Il tasso di suicidio, espressione del numero annuo, ogni 100.000 abitanti, di persone che la fanno finita ogni, vede le progreditissime Norvegia (11.9) e la Danimarca (11,3) distanziare alla grande la nostra Italia (6,7). Un male? Non si direbbe. Continua a leggere