Assisi. Papa Francesco sceglie la Natività di Giotto per gli auguri di Natale

La Natività affrescata da Giotto nel transetto destro della Basilica inferiore di San Francesco d'Assisi

La Natività affrescata da Giotto nel transetto destro della Basilica inferiore di San Francesco d’Assisi

La Natività di Giotto è stata scelta dal Papa per essere utilizzata per gli auguri di Natale. Il significato dell’affresco.
 
Quest’anno Papa Francesco ha scelto, per gli auguri natalizi, l’immagine della Natività affrescata da Giotto nel transetto destro della Basilica inferiore di San Francesco d’Assisi (1313 circa).

L’affermazione biblica che vi appone dietro è quella di Isaia 9,5: «Ci è stato dato un figlio… il Principe della pace”. Cogliendo quindi dal Natale pensieri, sguardi e gesti di pace. Continua a leggere

“Quando diciamo: ‘Padre ho peccato…’, Lui ci tappa la bocca: ci ha già perdonato!”

papa_francesco_ad_assisi

di Luca Marcolivio

(Zenit, 04-08-2016)

Ad Assisi si è celebrato un altro momento topico dell’Anno Santo straordinario. Recandosi per la seconda ad Assisi, dopo la prima visita del 4 ottobre 2013, papa Francesco ha chiamato a sé il Patrono d’Italia come testimone d’eccellenza della Misericordia.

Le temperature altissime e il sole a picco di inizio ad agosto, non hanno affatto scoraggiato i numerosi pellegrini, assiepati dietro le transenne nei pressi della Basilica di Santa Maria degli Angeli, molti dei quali reduci dalla Festa del Perdono.

È proprio per celebrare gli 800 anni della tradizionale “Perdonanza” che il Santo Padre si è recato alla Porziuncola, varcandone il portale d’ingresso intorno alle 15.45, con qualche minuto di anticipo sulla tabella di marcia, mentre il coro intonava l’inno del Giubileo straordinario: Misericordes sicut Pater!  Continua a leggere

La vera “salvezza” non si trova nella barra degli strumenti

Fabrice_Hadjadj

(da Tempi.it)
 
Riportiamo l’intervento, pubblicato ieri su Avvenire, del filosofo francese Fabrice Hadjadj pronunciato durante il convegno “Custodire l’umanità” che si è svolto ad Assisi

di Fabrice Hadjadj

Salvare, oggi, è l’ossessione di quelli che utilizzano i computer. Nella mia lingua, il francese, si dice piuttosto “registrare”, o anche “salvaguardare”. Ma è interessante notare coma nella lingua informatica, e anche in italiano, si dica to save, salvare, azione che riguarda non le anime ma i documenti. La “salvezza” si trova nel menù “file”, o nella barra degli strumenti. È rappresentata non da una croce, ma da un dischetto.

Tuttavia la vera salvezza non si applica alle cose, ma alle persone. Continua a leggere

«È la mondanità spirituale che uccide la Chiesa»

img-_innerArt-_papa_assisi

ll 4 ottobre 2013 Papa Francesco si è recato in pellegrinaggio ad Assisi, dove ha pronunciato diversi discorsi. Come ha rilevato su queste colonne Riccardo Cascioli, qualcuno si attendeva novità radicali sulla rinuncia della Chiesa alle sue vere e presunte ricchezze, ma Francesco ha liquidato le anticipazioni giornalistiche come «fantasie», una grande lezione a chi prende per buono il Papa riveduto e corretto dai giornalisti.

«In questi giorni – ha detto Francesco incontrando i poveri della Caritas nella Sala della Spoliazione del vescovado di Assisi – sui giornali, sui mezzi di comunicazione, si facevano fantasie. Continua a leggere

Bellissime parole del Papa ai giovani (Assisi, 4.10.13)

untitledr

INCONTRO DEL PAPA CON I GIOVANI DELL’UMBRIA
 
DOMANDE DEI GIOVANI AL SANTO PADRE:
 
1. FAMIGLIA: Nicola e Chiara Volpi (Perugia-Città della Pieve)

Noi giovani viviamo in una società dove al centro c’è lo star bene, il divertirsi, il pensare a se stessi. Vivere un matrimonio da giovani cristiani è complesso, aprirsi alla vita è una sfida e un timore frequente. Come coppia giovane sentiamo la gioia di vivere il nostro matrimonio, ma ne sperimentiamo la fatica e le sfide quotidiane. Come la Chiesa ci può aiutare, come i nostri pastori possono sostenerci, quali passi anche noi siamo chiamati a compiere? Continua a leggere

Sorpresa, la Chiesa non è in liquidazione

img-_antPrmPianoTpl1-_assisi_jpg420

Papa Francesco ad Assisi spiazza gli oltre mille giornalisti che si attendevano un annuncio eclatante sulla rinuncia della Chiesa ai beni materiali. La cosa di cui spogliarsi è lo «spirito del mondo», ha invece detto il Papa. E ha fatto a pezzi l’immagine di un san Francesco sdolcinato ed ecologista: l’amore per i poveri, il rispetto per il Creato e il desiderio di portare la pace hanno un nome: Cristo.

A seguire in questi giorni stampa e tv, il 4 ottobre sarebbe dovuto essere una sorta di Dies Irae: papa Francesco ad Assisi che fa un gesto eclatante di rottura con il passato, vaticanisti e anche qualche prelato che anticipavano una rinuncia clamorosa a tutte le ricchezze della Chiesa, ovviamente nella Sala della Spoliazione dove era previsto l’incontro con i poveri. Continua a leggere