Bagnasco: attenti al virus dell’individualismo

BAGNASCO_300_300

L’individualismo non prevalga e renda i poveri sempre più poveri, e i senza voce invisibili”. È il richiamo del cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei, al convegno di Assisi “Custodire l’umanità. Verso le periferie esistenziali” organizzato dalla Conferenza episcopale umbra in collaborazione con l’Università di Perugia e il progetto culturale della Cei. “In questo senso – ha aggiunto Bagnasco – possiamo dire che l’Italia è nel guado e non può illudersi”. “La solitudine e l’angoscia”, ha spiegato, generate in Italia dal “virus dell’individualismo” sono “il nucleo di ogni follia, e di ogni violenza”.

“Ritengo che, nel nostro Paese – ha detto il presidente della Cei – non vi sia coincidenza tra la società e la cultura”. Continua a leggere

Bagnasco: “Basta corruzione e no alle coppie di fatto”

Nella prolusione al Consiglio Permanente il presidente della Cei interviene sui temi etici e sulla situazione politica italiana
 
Durissimo monito dell’episcopato italiano contro unioni di fatto e “regionopoli” e sul fine vita spera nel varo dei DAT. Al consiglio Cei la prolusione del cardinale di Bagnasco prende di petto in particolare la questione della “libertà di scelta a proposito delle unioni di fatto: è paradossale voler regolare pubblicisticamente un rapporto quando gli interessati si sottraggono in genere allo schema istituzionale già a disposizione”. In realtà, stigmatizza il cardinale, “ci si vuol assicurare gli stessi diritti della famiglia fondata sul matrimonio, senza l’aggravio dei suoi doveri”. Continua a leggere