“Neuroni specchio”. La biologia dice che mamma e papà servono

mirror-neurons-300x200

Il tema dello sviluppo psichico del bimbo, durante i primi anni di vita, va oggi affrontato alla luce della scoperta dei cosiddetti neuroni specchio (NS). Nel 1994/95, dopo studi sulle modalità di apprendimento nei primati, Giacomo Rizzolatti e la scuola neurologica di Parma individuavano una nuova famiglia di neuroni dotati di capacità cognitive.

Trasferita la ricerca sull’uomo, con tecniche di RMN funzionale, si giungeva alla dimostrazione che un simile pool neuronale era presente anche nel cervello umano. Venne adottata la denominazione di “neuroni specchio”, con l’intento di precisare che la loro funzione specifica è riconoscere e interpretare gli atti motori, compiuti da altri soggetti. Continua a leggere

Evoluzionismo

creaz.

1 –  Cos’è “l’evoluzione della specie?

 “L’evoluzione della specie“ è un’ipotesi scientifica formulata verso la metà del 1800 da Charles Darwin, il quale  notò, durante  un viaggio alle isole Galapagos, rimaste a lungo isolate dal continente, che alcune specie di uccelli e tartarughe  ecc… si erano sviluppate in modo diverso che non sul continente.

In seguito a questi ed altri studi,  scrisse il testo “Origin of species”, in cui  sostenne che gli individui di una specie si evolvono perché, nella lotta per l’esistenza e per adattarsi all’ambiente, sopravvivono solo gli individui della specie che sono più adatti alla situazione (1859). Continua a leggere

L’uomo, il linguaggio e la sua irriducibilità

Linguaggio

I linguisti dibattono da tempo se i bambini realmente capiscono la grammatica che stanno utilizzando o stanno semplicemente memorizzando e imitando gli adulti. Un nuovo studio della University of Pennsylvania ha fatto luce su questo: i bambini, dai 2 anni in poi capiscono le regole grammaticali di base appena imparano a parlare, ma non lo fanno semplicemente come imitazione degli adulti. I ricercatori hanno poi applicato la stessa analisi statistica sui dati di uno dei più famosi esperimenti di acquisizione-linguaggio negli animali (Project Nim), rilevando che gli scimpanzé a cui è stato insegnato il linguaggio dei segni nel corso di molti anni, non hanno mai afferrato le regole grammaticali che invece appaiono innate nei bambini di 2 anni.  Continua a leggere

Il pericolo delle buone intenzioni

942175_10151412452377113_1107465582_n

In un libro pubblicato dalla Morcelliana Lucetta Scaraffia e Oddone Camerana ricostruiscono la storia sociale dell’eugenetica, individuandone e analizzandone le ramificazioni e le implicazioni di lungo periodo.
 
La teoria dell’evoluzione fu esposta da Charles Darwin nel volume del 1859 On the Origin of Species through Natural Selection: essa ebbe un enorme impatto in tutti i campi delle scienze naturali, ma influenzò profondamente anche quelle filosofiche e sociali. Decennio dopo decennio, diventò la base di un nuovo senso comune, alla costruzione del quale contribuì anche una vasta opera di divulgazione condotta da scienziati, sociologi, filosofi “positivi” e giornalisti di varia cultura. Continua a leggere