Una borsa di studio per approfondire la storia del grande Grossman

Fondazione Grossman bandisce una borsa di studio da 9.000 euro per studiare materiali del celebre autore di “Vita e destino”. Domande da inviare entro il 15 marzo
 
Vasilij Grossman non è solo l’autore del capolavoro Vita e destino. È stato l’unico “giornalista” presente alla Battaglia di Stalingrado del 1942-43, il solo presente sulla Riva destra del Volga, mentre i suoi colleghi e i membri del partito erano fuggiti sulla Riva sinistra, al sicuro. Il primo a raccontare in presa diretta (dalle pagine del quotidiano dell’esercito Stella Rossa) la più sanguinosa battaglia della seconda guerra mondiale. Il primo giornalista a raccontare al mondo l’Olocausto dall’interno dell’inferno del lager di Treblinka.

È stato uno dei pochi e fortunati intellettuali sopravvissuti alle purghe staliniane che dal cuore del regime comunista (Grossman era uno scrittore “autorizzato” dall’Unione degli Scrittori controllata dal Pcus) abbia iniziato a raccontare, già a partire dagli anni Trenta e Quaranta, la vita del cittadino sovietico al tempo del “socialismo reale”. Soprattutto, Grossman è stato il primo a sviscerare la dinamica sempre attuale del potere e dell’ideologia, l’atomizzazione e il conformismo degli individui che potere e ideologia introducono nella società, i meccanismi della propaganda, la paura di dissentire dai totem che lo Stato (o gli Stati) impongono come senso comune attraverso i mezzi di istruzione e di comunicazione sostenuti da un adeguato sistema coercitivo di magistratura e di polizia.

Infine Grossman ha inaugurato l’epoca del cosiddetto “disgelo” kruscioviano. Che altro non fu, come spiegano gli americani John e Carrol Garrard, autori di Le ossa di Berdicev (Marietti 1820), se non il tempo in cui «non si arrestavano e non si fucilavano più gli scrittori. Si arrestavano e si fucilavano i loro libri». Continua a leggere