Un anziano dona un pacchetto di pasta all’asta parrocchiale e un imprenditore lo compra per più di 2.500 euro

La storia toccante del pensionato che ha offerto tutto ciò che aveva e che sta emozionando tutto il Brasile attraverso le reti sociali
 
Il blog Ancoradouro ha riferito un fatto toccante avvenuto questo mese nella parrocchia di San Giovanni Battista di Ituverava, nell’interno dello Stato di San Paolo, in Brasile.La parrocchia stava portando avanti il progetto di costruzione di un centro pastorale, e a metà mese ha realizzato un’asta per raccogliere fondi, con pecore, maiali, mobili e un oggetto che ha richiamato l’attenzione di tutta la comunità: un anziano della parrocchia, Antônio Vicente da Silva, noto come o “Zé do Rádio”, di 81 anni, ha cercato il parroco, padre Adailson Ferreira de Oliveira, per fare l’unica offerta che le sue condizioni finanziarie gli permettevano in quel momento: un pacco di pasta.

Questa storia ha già commosso tutti i parrocchiani, come ha testimoniato il parroco durante la Messa, e ha avuto un altro capitolo che ha toccato ancor di più la comunità: un imprenditore locale, Walter Gama Terra Júnior, ha deciso di comprare il pacco di pasta per 12.000 reais, equivalenti a poco più di 2.600 euro.

“Questa storia ci ha insegnato molto e ha fatto una grande differenza”, ha affermato padre Adailson.

“Il signor Antônio mi ha detto che voleva aiutare la nostra raccolta, perché abbiamo ricevuto ogni tipo di oggetti da offrire, come torte, polli, valigie, tavoli, borse… Questo signore ha detto che voleva fare anche lui la sua parte, ma poteva contribuire solo con un pacco di pasta, perché era tutto quello che aveva. Ha donato con cuore generoso, e dopo aver impacchettato il suo dono, come abbiamo fatto con tutti gli altri, abbiamo iniziato l’asta. Continua a leggere

Mamma cieca conosce volto del figlio atteso, grazie alla stampante 3D

E’ una storia che risale al 2015, ma non la conoscevo. Personalmente la trovo bellissima e, anche se un po’ datata, la rilancio volentieri.

***

Tatiana Guerra ha 30 anni, ha perso la vista quando ne aveva 17 e ora che è alla ventesima settimana di gravidanza non può vedere le ecografie del bambino. Può solo immaginare, dalla descrizione del medico, come sarà il volto del suo primo figlio, Murilo.

“Immagino il naso a forma di una piccola patata, una bocca sottile e le mani paffute”, dice Tatiana ignara della sorpresa che sta per ricevere: una stampa tridimensionale del volto di Murilo.

Quindici minuti per trasformare un’ecografia in qualcosa da poter accarezzare e abbracciare.

Una storia vera che il brand Huggies ha utilizzato come pubblicità.

(Fonte: Repubblica)
 

 

Un medico missionario tra i poveri del Brasile. L’incredibile storia del dottor Nottegar

Nottegar

 Dalla corsa senza scarpe per salvare un bimbo gravissimo fino ai viaggi nelle capanne per aiutare malati di cancro e lebbrosi
 
Un medico speciale, un servo di Dio in carne ed ossa che decide, insieme alla sua famiglia, di dedicarsi ai poveri in Brasile, tra favelas, villaggi, foreste pluviale.

In “Alessandro Nottegar. Il “mediano” della santità”, il giornalista e scrittore Saverio Gaeta racconta le peripezie incredibili di un uomo che nel destino sembrava avesse tutt’altro che la medicina.
 
DAL SACERDOZIO ALL’OSPEDALE
Finita la quinta elementare, la sua famiglia lo manda a studiare nel collegio dei Servi di Maria ma, dopo anni di studio e di discernimento vocazionale, Alessandro capisce che la sua chiamata non è il sacerdozio, bensì la famiglia: vuole servire il Signore nel matrimonio e condividere con gli altri i doni che ha ricevuto. Continua a leggere

L’angelo di Rio: una donna salva 3.000 bambini dall’aborto

WEB-Doris-Hipolito-Courtesy-Image

Ex insegnante va nelle favelas per aiutare le donne incinte a scegliere la vita e a costruire un futuro
 
Mentre Rio de Janeiro è al centro dell’attenzione mondiale per aver ospitato la Giornata Mondiale della Gioventù e la Coppa del Mondo di calcio e perché vi si svolgeranno le Olimpiadi estive del 2016, una donna ha salvato in silenzio più di 3.000 bambini che avrebbero dovuto essere abortiti nelle sue favelas più povere.

È iniziato tutto in modo semplice. 23 anni fa, Doris Hipólito aveva una vita confortevole come insegnante di storia e geografia e consulente scolastica a Rio de Janeiro. Il direttore della sua scuola le ha chiesto di aiutare alcune delle allieve che soffrivano per le conseguenze dell’aborto. La Hipólito ha riunito materiali pro-vita per aiutare le ragazze e li ha distribuiti anche ai membri della sua parrocchia. Ha poi sentito la necessità di iniziare a recitare il rosario in una piazza pubblica il 13 di ogni mese, distribuendo opuscoli pro-vita. Con il sostegno del vescovo Werner Siebembrok e della Legione di Maria, il piccolo gruppo che si era raccolto intorno alla Hipólito ha iniziato ad assistere nelle favelas di Rio le donne che pensavano di non avere alternative all’aborto. Continua a leggere

Il gioco di Dio, il calcio secondo Papa Ratzinger

UpkPfA5XLjijK6U1626ApzGw5vRaFuXmE9GeDXRaBpM=--

di Antonio Socci

(da Libero, 15.06.14)

La febbre planetaria dei Mondiali di calcio è un fenomeno che nessuno sa spiegare.
Il banale conformista celebrerà l’evento come la solita festa della fraternità, con la retorica dell’agonismo leale, del dialogo fra i popoli, contro il razzismo e la guerra (tutti gli slogan grigi del politically correct). Il moralista col birignao – che è l’altra faccia del banale conformista e a volte pure la stessa persona – lamenterà la superficialità di un mondo che – con tutti i problemi che ha – impazzisce per il calcio, poi dirà che il calcio è l’oppio dei popoli e s’indignerà per tutti i miliardi spesi mentre la gente (pure in Brasile) muore di fame.

Tutto vero, ma anche tutto ovvio, noioso e superficiale.

Però, grazie al Cielo, nel mondo accade a volte il miracolo, accade che ci sia qualche vero poeta o perfino un profeta, un genio di quelli che vedono la profondità delle cose e colgono l’oceano nella goccia d’acqua e l’eterno nell’istante. Continua a leggere

Papa Francesco, vita umana da difendere sin dal concepimento

fd80b35a58

La famiglia come centro nella difesa della vita

Messaggio del Pontefice in occasione della Settimana nazionale della famiglia, che si e’ aperta ieri in Brasile. “La famiglia è patrimonio dell’umanita’ intera”
 
La vita umana “deve essere sempre difesa, sin dal grembo materno, riconoscendovi un dono di Dio e garanzia del futuro dell’umanita’”. Lo afferma Papa Francesco, in un messaggio in occasione della Settimana nazionale della famiglia, che si e’ aperta ieri in Brasile.

“Care famiglie brasiliane”: cosi’ comincia il messaggio di Papa Francesco che sottolinea come conservi ancora “vive nel cuore le gioie ricevute” durante il suo viaggio in Brasile per la Gmg. Continua a leggere

«In politica rispettare la dignità della persona»

img-_antPrmPianoTpl1-_papa-francesco-rio

In ventiquattr’ore il Papa in Brasile spiega la politica secondo Papa Francesco: mai separare la politica dalla morale, lasciar parlare la Chiesa sui valori perché “senza la verità sull’uomo la società si sfalda”.

****

Sabato 27 luglio Papa Francesco ha vissuto la prima di due giornate densissime alla GMG di Rio de Janeiro, iniziata idealmente con la Via Crucis di venerdì sera a Copacabana – un milione di giovani, forse la Via Crucis con più partecipanti della storia – e conclusa a tarda notte con la veglia di preghiera. Incontrando non solo i giovani, ma i vescovi e i politici il Pontefice ha insistito sul consueto invito a «uscire» per evangelizzare superando l’autoreferenzialità, ma ha parlato anche di temi politici, denunciando la separazione della politica dalla morale, rivendicando la libertà della Chiesa di annunciare la sua dottrina morale e affermando che riportare l’etica nella politica è oggi «una sfida storica senza precedenti». Continua a leggere

GMG – Un bambino abbraccia il Papa: “Voglio diventare sacerdote di Dio”. Un video commovente.

942450_561436057248513_1652281584_n

Papa Bergoglio è stato testimone di un episodio di grandissima tenerezza, che ha commosso tutti coloro che vi hanno assistito. Venerdì 26 luglio, durante il tragitto in Papamobile nel quartiere carioca di Gloria, poco prima di arrivare al Palazzo Arcivescovile per l’Angelus, il Pontefice è stato raggiunto da Nathan de Brito, 9 anni.

Un addetto alla sicurezza lo ha avvicinato a Papa Francesco, che lo ha sollevato di peso e preso in braccio.

“Santità, voglio essere un sacerdote di Cristo, un rappresentante di Cristo”, ha detto il bimbo.

Il Papa ha risposto: “Pregherò per te, ma ti chiedo di pregare anche tu per me. A partire da oggi, la tua vocazione si è concretizzata”. Continua a leggere

Per rileggere la Genesi aiutati da Gaudí

SAGRAD~1

Un giorno decide di chiedere una donazione a un conoscente molto ricco: «Faccia questo sacrificio». «Con piacere, non è affatto un sacrificio» risponde quello con un sorriso. E lui, subito: «Allora mi dia abbastanza perché lo sia!». Il protagonista dell’aneddoto è Antoni Gaudí, famoso tra i contemporanei tanto per l’allegria e la pazienza con cui seguiva personalmente i suoi cantieri quanto per la genialità e la perizia con cui progettava case, monasteri, scuole, giardini, cattedrali, arredi liturgici o ninnoli di metallo da regalare ai figli dei suoi collaboratori; la stessa cura, lo stesso amore per l’infinitamente grande come per l’infinitamente piccolo, scaturiti dalla gratitudine per l’immensità del bene ricevuto, la luce della Grazia. Continua a leggere

Il segreto di Aparecida

945731_406069552847261_1947423818_n

Sulla copertina di “Time”, uscita mentre il Santo Padre è in viaggio per il Brasile, c’è una sua foto con questo titolo: “The People’s Pope”. Cioè il Papa della gente o meglio “il Papa del popolo”.
Si può dire in effetti che Francesco incarna, nel suo esempio, nel suo insegnamento, nella sua storia e nella sua figura di pastore quella “vera teologia della liberazione” che per anni Joseph Ratzinger e Giovanni Paolo II hanno annunciato.
Mentre mostravano gli errori della “teologia della liberazione” che si era diffusa negli anni Settanta in Sudamerica, quella di teologi come Gustavo Gutierrez, Camillo Torres, i fratelli Leonardo e Clodoveo Boff, poi Jon Sobrino e altri, che s’illudevano di realizzare il Vangelo abbracciando le analisi marxiste, la lotta di classe e la rivoluzione. Un errore drammatico. Continua a leggere

GMG di Rio al via: chiamata alla missione

img-_innerArt-_gmg%202013

22-07-2013

Oggi inizia il viaggio di papa Francesco in Brasile per partecipare alla Giornata Mondiale della Gioventù (GMG) di Rio de Janeiro. Giovedì 25 luglio il Papa si unirà ai giovani, con i quali avrà un appuntamento al giorno fino alla messa finale di domenica 28 luglio alle 10. Prima papa Francesco visiterà alcune realtà brasiliane. In occasione di questo evento pubblichiamo alcuni brani del messaggio di papa Benedetto XVI per questa che è la XXVIII Giornata Mondiale della Gioventù, il cui tema è “Andate e fate discepoli tutti i popoli”. 

(…) Oggi non pochi giovani dubitano profondamente che la vita sia un bene e non vedono chiarezza nel loro cammino. Più in generale, di fronte alle difficoltà del mondo contemporaneo, molti si chiedono: io che cosa posso fare? Continua a leggere

Il fratello di Leonardo Boff: «dovevamo ascoltare Ratzinger!»

Leonardo-Boff2

La Teologia della Liberazione è stata una delle peggiori sciagure abbattutesi sulla Chiesa, i cui autori sono il teologo Gustavo Gutierrez, domenicano e Leonardo Boff, francescano. Nata dopo il Concilio Vaticano II, aveva lo scopo di essere una sua interpretazione calata nel contesto drammatico della povertà di massa dell’America Latina.

Eppure ha finito per mischiare la teologia con l’analisi marxista, legittimando la lotta di classe, armata e quindi inevitabilmente violenta. Per questo l’episcopato dell’America Latina ha condannato questa Teologia comunista nel 1979 e lo stesso ha fatto il card. Joseph Ratzinger, su invito di Giovanni Paolo II, dopo averla studiata dal punto di vista dell’ortodossia e della dottrina sociale della chiesa. Continua a leggere

Quando l’amore per la Vita genera frutti

img_106_70sgianna20courmayeur

25 luglio 2012

Dopo aver condiviso qui il bellissimo e commovente documentario sulla vita di Santa Gianna Beretta Molla, ho avuto la gioia di conoscere la figlia, Gianna Emanuela, nata grazie al sacrificio della madre che per la figlia ha donato la propria vita.

Medico anche lei (geriatra), una persona tanto cara, dolce e gentile, che somiglia incredibilmente alla mamma e che da tempo dedica la vita alla testimonianza e alla diffusione del messaggio di questa straordinaria Santa nel mondo.

Sono nel frattempo venuta a conoscenza dei miracoli che hanno portato alla Beatificazione e poi alla Canonizzazione di Santa Gianna. Continua a leggere…