Milano, il Card. Scola apre un ufficio per accogliere i fedeli separati

scola_1367914

(da famigliacristiana.it)
 
07/05/2015  Si tratta di un servizio pastorale, che partirà l’8 settembre prossimo, per aiutare le coppie sposate e in crisi, o già sulla strada della separazione, a fare la scelta migliore per il proprio futuro e a viverla in maniera conforme all’insegnamento della Chiesa. «La comunità cristiana», scrive l’arcivescovo Scola, «è impegnata, in modo del tutto particolare, ad accompagnare le famiglie ferite»
 
Un Ufficio diocesano per assistere e accompagnare il cammino delle coppie che sono separate, legalmente o di fatto, o che sono giunte alla scelta di farlo. L’ha voluto l’arcivescovo di Milano,cardinale Angelo Scola, per permettere alle coppie in crisi di riflettere, essere aiutati da consulenti esperti e poter fare la scelta migliore per il proprio futuro. Continua a leggere

La percezione della nostra finitudine e altri segni per accorgersi del Mistero

Viandante

di Angelo Scola*
*arcivescovo di Milano

anticipazione del libro Capaci di infinito (Marcianum Press 2015)
 
Quando introduciamo la parola, mistero, ci riferiamo a un dato che è proprio dell’uomo come tale, del cuore dell’uomo di ogni tempo. Ovviamente, la modalità con cui questo proprium viene percepito muta a seconda del clima culturale in cui l’uomo vive ed agisce.

Io credo che l’uomo di oggi sia chiamato a guardare fino in fondo i tratti fondamentali dell’esperienza umana. Il primo e più importante è la capacità di cogliere il senso della realtà: la realtà è intelligibile e chiede di essere ospitata dalla nostra intelligenza. Già questo implica una trascendenza, cioè un andare oltre l’immediato Continua a leggere

Scola tra le case Aler di Baggio: «Occorre affrontare la questione a livello nazionale»

download

In un intenso pomeriggio vissuto a Baggio, l’Arcivescovo in tre diversi momenti ha incontrato gli abitanti del quartiere, invitando «a non perdere mai, anche nelle difficoltà, la speranza»

di Annamaria BRACCINI

«Chiediamo che la questione della casa sia affrontata a livello nazionale in termini diversi rispetto alle scelte compiute negli ultimi anni e, in secondo luogo che il soggetto più naturale di questa interlocuzione, il Comune, diventi il fattore di coordinamento per trovare strade di soluzione. Noi possiamo, come Chiesa, offrire il lavoro dei sacerdoti, dei volontari, delle suore, delle nostre Comunità e Associazioni in questi quartieri che sono molto provati, ma dobbiamo imparare tutti a giocare la nostra responsabilità in maniera diretta. Siamo solidali con voi, capiamo la fatica in cui vivete, ma qui si devono equilibrare due diritti». Continua a leggere

Scola propone ai politici la “grammatica dell’umano”

2642483-cardinal

di Francesca Moretti

«Affrontare il travaglio di civiltà in atto chiede di ripensare l’uomo. La Chiesa pensa di poter dare un contributo non indifferente di conoscenza circa la ‘grammatica dell’umano’. Non per sua capacità e merito, ma in forza dell’evento di Gesù Cristo in cui trova vera luce il mistero dell’uomo». Si concentra sull’uomo e sulle questioni fondamentali a cui ogni giorno è chiamato il discorso dell’Arcivescovo di Milano Angelo Scola, il primo pastore della Chiesa Ambrosiana a rivolgere un intervento all’Aula nella sede del Consiglio regionale della Lombardia.

Una presenza, quella dell’Arcivescovo, che è anche un gesto di “amicizia civica”, a cui qualcuno – il Movimento 5 Stelle – ha voluto sottrarsi, uscendo dall’Aula prima dell’intervento di Scola, salvo poi voler incontrare l’Arcivescovo al termine della cerimonia. Continua a leggere

Un “io in relazione”, anche nella scuola

39029

23/01/2014 – Un incontro in Duomo con l’Arcivescovo di Milano, Angelo Scola. A tema, l’educazione nel mondo della scuola. In un dialogo serrato, il Cardinale ha voluto ricondurre tutti alla vera natura dell’insegnamento: «Non una tecnica, ma un’arte».

di Daniela Castagnetti

Milano, 22 gennaio. Una tiepida serata invernale. Siamo otto insegnanti, colleghe legate da un’amicizia cordiale che negli anni si è consolidata nel lavoro in un prestigioso liceo milanese. Veniamo da esperienze diverse: chi attiva in parrocchia, chi del movimento, chi in cerca come a tentoni del senso nella vita. Continua a leggere

Il cardinale Scola contro l’ateismo anonimo

images-1

Illuminante e stimolante la lettera pastorale presentata ieri dal cardinale Angelo Scolae intitolata: Il campo è il mondo. Vie da percorrere incontro all’umano. Si legge tutta d’un fiato e già in premessa si ricollega alla recente enciclica di Papa Bergoglio, laddove si parla di Dio che «prepara la città per gli uomini». Si parte dalle preziose conferme attinenti alla vita ecclesiale e alla vita civile e ricavate dalla visita a Milano di Benedetto XVI l’anno scorso, in occasione del settimo incontro mondiale delle famiglie, dall’anno costantiniano, ancora in corso e, in generale, dall’energica azione pastorale della Chiesa nel capoluogo lombardo.

C’è una focalizzazione indubbia, nel documento, sulla diocesi di Milano, che vive con attesa e speranza la preparazione di Expo 2015, considerato straordinario avvenimento anche da Scola e potenziale occasione «perché la Milano del futuro trovi la sua anima». Continua a leggere

“Il corpo è necessario per entrare in rapporto”

everybody

di Michele Brambilla
 
Il corpo umano è, in un modo o nell’altro, al centro del dibattito culturale di questi tempi. L’arcivescovo di Milano, card. Angelo Scola, il quale ha dedicato l’intero oratorio estivo alla riflessione sulla corporeità, dando una forte interpretazione del tema (“Everybody. Ciascuno di noi è una cosa bellissima, perché ciascuno di noi è unico”), non si sottrae al dibattito ai più alti livelli, tuttavia la sua modalità comunicativa preferita è il contatto diretto col popolo ambrosiano nelle sue oltre mille parrocchie. Visitando gli oratori di Carnago, Rovate e Cornaredo, l’arcivescovo ripercorre le sensazioni dell’infanzia, ma prosegue anche la catechesi sul corpo. Un corpo umano santificato dall’Incarnazione del Verbo di Dio: Continua a leggere