«No alla droga, sì alla libertà religiosa»

Papa Francesco contro la droga.

«La libertà religiosa non è solo quella di un pensiero o di un culto privato. E’ libertà di vivere secondo i principi etici conseguenti alla verità trovata, sia privatamente che pubblicamente. Questa è una grande sfida nel mondo globalizzato, dove il pensiero debole – che è come una malattia – abbassa anche il livello etico generale, e in nome di un falso concetto di tolleranza si finisce per perseguitare coloro che difendono la verità sull’uomo e le sue conseguenze etiche». (Papa Francesco)

***

Il 20 giugno 2014 Papa Francesco ha ricevuto in udienza prima i partecipanti all’International Drug Enforcement Conference, poi i congressisti del convegno internazionale «La libertà religiosa secondo il diritto internazionale e il conflitto globale dei valori», pronunciando due importanti discorsi.

Ai partecipanti al convegno sulle droghe il Papa ha rivolto un accorato discorso nel quale ha ribadito sia la famosa affermazione del suo predecessore san Giovanni Paolo II (1920-2005) secondo cui la droga non si vince con la droga, sia la posizione del Magistero cattolico che contesta ogni legalizzazione o liberalizzazione come risposta inadeguata a un problema drammatico. Continua a leggere

Creare ricchezza, distribuire la fede

img-_innerArt-_crisi_0

di Ettore Gotti Tedeschi

Ciò di cui l’uomo “occidentale” di questo secolo è stato privato è la razionalità, che è conseguenza della certezza della natura dell’uomo Creatura di Dio. Se oggi l’uomo occidentale riconosce un certo divario tra ricchi e poveri è anzitutto perché è stato privato di ben altri fattori “nutritivi”: quello intellettuale e quello spirituale, abituandosi solo a quello materiale. L’uomo cioè si è abituato a essere considerato sostanzialmente un animale intelligente da soddisfare materialmente, consumisticamente. Finito il periodo del consumismo, sono rimasti i debiti da pagare. E qui ha scoperto che le tre dimensioni economiche a lui proprie – di uomo lavoratore, uomo consumatore e uomo risparmiatore-investitore -, erano entrate in conflitto. Diventando più povero ha scoperto che c’erano altri uomini ancora ricchi, ed ha gridato all’ingiustizia. Continua a leggere

“Dare espressione alla bellezza della propria fede”

safe_image

Il Santo Padre Francesco ha ricevuto in Udienza i “Patrons of the Arts” dei Musei Vaticani, in occasione del 30° anniversario della fondazione. Pubblichiamo di seguito il discorso rivolto dal Papa ai presenti.

****

Cari Amici, buongiorno

do il benvenuto ai Patrons of the Arts dei Musei Vaticani in occasione di questo pellegrinaggio a Roma, che segna il trentesimo anniversario della vostra fondazione. Lungo il corso degli ultimi tre decenni, i Patrons hanno dato un considerevole contributo per il restauro di numerosi tesori di arte conservati nelle collezioni vaticane e, più in generale, per il compimento della funzione religiosa, artistica e culturale dei Musei. Vi ringrazio di vero cuore per questo. Continua a leggere

“Attorno alla famiglia e alla vita…”

Bl_John_Paul_II

«Attorno alla famiglia e alla vita si svolge oggi la lotta fondamentale della dignità dell’uomo… Le tenebre oggi avvolgono la stessa concezione dell’uomo… I nemici di Dio, più che attaccare frontalmente l’Autore del Creato, preferiscono colpirlo nelle sue opere. L’uomo è il culmine, il vertice delle sue opere visibili… E la famiglia è l’ambito privilegiato per far crescere le potenzialità personali e sociali che l’uomo porta inscritte nel suo essere».
 
[Giovanni Paolo II, Rio de Janeiro 1997, Incontro mondiale con le famiglie]

Il Papa: l’universo non è frutto del caos, scienza e fede collaborino per il bene dell’umanità

Scienza e fede sono necessarie per costruire una “cultura di rispetto per l’uomo”. E’ uno dei passaggi forti del discorso del Papa ai membri della Pontificia Accademia delle Scienze, ricevuti ieri in udienza in occasione della sessione plenaria sul tema “Complessità e analogia nella scienza: aspetti teoretici, metodologici ed epistemologici”. Benedetto XVI ha quindi ribadito che il cosmo non è frutto del caos, ma è “un’ordinata complessità”. Continua a leggere