Pillole dall’America a cura di Patrick O’Malley

Invito alla lettura del sottostante articolo, scritto dal prof. Patrick O’Malley

 
Rubrica a cura di Patrick O’Malley*

Mi avete chiesto di scrivere sul perché queste elezioni nazionali negli USA sono cosi importanti. E’ vero che ogni elezione nel paese (ancora) più potente è importante del mondo perché i suoi risultati (tramite chi vince e diventa o rimane il presidente) ha un enorme impatto in tutto il mondo, specialmente qui in Europa. Continua a leggere

Disattesi i valori della libertà di coscienza e della Chiesa. Speriamo che l’America non se ne penta

[da Tempi.it,  7 novembre 2012]

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa della Fondazione internazionale Giovanni Paolo II, a firma del direttore Marco Ferrini e del presidente monsignor Luigi Negri.

Le elezioni negli USA

La Fondazione Internazionale Giovanni Paolo II per il Magistero Sociale della Chiesa sente il dovere di intervenire sull’esito della competizione elettorale negli USA senza la pretesa di dare un giudizio su tutti gli aspetti implicati nella questione, anche per rispondere attivamente ad una vasta rete di amicizie in campo ecclesiale e culturale negli USA e di precisare quanto segue. Continua a leggere

La vittoria di Obama…

“Per gli Stati Uniti, il meglio deve ancora venire”: così Barack Obama ha arringato i suoi elettori nel discorso della sua vittoria a Chicago.

Il presidente degli Stati Uniti ha conquistato il suo secondo termine, accettato anche dallo sfidante Mitt Romney, ma gli economisti guardano con preoccupazione al futuro. Mentre si diffonde nel mondo la notizia della vittoria di Obama, i mercati asiatici segnano pochi cambiamenti: quasi piatte le borse di Tokyo, Seoul e Hong Kong. Continua a leggere

“Libertà religiosa minacciata”. I vescovi americani votano contro Obama e aprono un sito web

IL FOGLIO, 06 novembre 2012

A poche ore dalle elezioni americane la Conferenza episcopale statunitense prende a tutti gli effetti la sua posizione. Ad altro non lascia pensare il nuovo sito Internet lanciato in rete con perfetto tempismo: firstamericanfreedom.com è il nome di battesimo. Il sito suona sostanzialmente come una chiamata alle armi in vista delle elezioni: “Negli Stati Uniti” si legge a tutta pagina, “la libertà religiosa è gravemente minacciata”. Continua a leggere

Casa Bianca, è testa a testa. Sfida su vita e nozze gay

A pochi giorni dalle presidenziali del 6 novembre è sempre testa a testa tra Barack Obama e Mitt Romney. L’ultimo sondaggio Reuters/Ipsos, diffuso sabato sera, dà il presidente al 47%, un punto (annullato dal margine di errore del 3,4) di vantaggio sullo sfidante repubblicano al 46%. Guardando ai singoli Stati, però, Barack Obama sarebbe in testa negli Stati chiave dell’Ohio e Florida. Secondo un rilevamento della rete televisiva Nbc e del Wall Street Journal, il presidente americano può contare sul 51% in Ohio e il 49% in Florida, mentre il suo sfidante repubblicano Mitt Romney ottiene rispettivamente il 45% e il 47%. Continua a leggere