Giusta imposta: pagare meno, pagare tutti

img-_innerArt-_forconi_fisco

di Ferdinando Leotta
 
Con la protesta dei Forconi sono stati portati all’attenzione dell’opinione pubblica i gravi problemi che sta attraversando il mondo dei piccoli commercianti, dei professionisti a basso reddito, degli ambulanti dei mercati, dei «padroncini» di camion e dei tassisti, di alcune categorie di piccoli artigiani. Si tratta, se si adotta la denominazione suggerita dal sociologo Aldo Bonomi, del Quinto Stato, che sostanzialmente si identifica con il popolo delle piccole partite IVA, aggredito dalla pressione fiscale e contributiva che, sommata alla recessione, alla stretta creditizia, agli adempimenti burocratici e alla concorrenza congiunta delle multinazionali dall’alto e degli extracomunitari dal basso, porta all’esasperazione. Continua a leggere

“Basta promesse non mantenute per i poveri”

4f1a4f9c86

Il pontefice ha incontrato i partecipanti all’assemblea della Fao, ricordando che la crisi economica non è un alibi per dimenticare chi ha più bisogno.

Per i poveri “si può e si deve fare di più” e la comunità internazionale non si può nascondere dietro l’”alibi” della crisi economica globale per continuare a non mantenere le promesse fatte a chi ha più bisogno. Con il suo stile semplice, papa Francesco non è girato intorno al problema, durante l’incontro avuto questa mattina in Vaticano con i partecipanti all’assemblea della Fao. In corso a Roma fino al 22 giugno, l’incontro della Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura riunisce i rappresentanti dei Paesi del mondo impegnati alla lotta alla fame del mondo. Continua a leggere

L’etica delle tasse: quando sono giuste e quando sono troppe

tasse

Un utile articolo dell’amico Giuliano Guzzo.

*****

C’è poco da fare: sono loro, le tasse, le vere protagoniste della campagna elettorale in corso in Italia; se ne discute animatamente tutti i santi giorni in una sorta di competizione al ribasso, dove la spunta chi illustra ed assicura tagli più celeri, equi e consistenti. Di (eccessiva) pressione fiscale si discute in questi mesi pure in Francia [1], ed è notizia di questi giorni anche il ritorno ufficiale delle tasse in quel di Cuba, dov’erano state abolite nel 1959 e parzialmente reintrodotte solo nel ’94 [2]. Continua a leggere

IMU: le conseguenze dell’ingiusta tassa sulla casa

Rallentamento del mercato immobiliare; minor propensione al matrimonio; abitazioni più piccole che scoraggerà la formazione di famiglie numerose; scelta dell’affitto, che renderà meno stabile l’idea dell’abitazione.

di Vincenzo Sansonetti

Lo scrittore inglese James Montgomery, vissuto a cavallo tra Sette e Ottocento, affermava che la casa «è un punto della terra supremamente benedetto, un luogo più caro e più dolce di tutti gli altri». Qualche decennio più tardi un altro intellettuale d’Oltremanica, John Ruskin, scriverà che la casa è «il luogo della pace» e «il rifugio da ogni torto, da ogni paura, dubbio e discordia». Continua a leggere