Troppi progetti nella scuola, torniamo alla didattica seria. Lettera

item-thumbnail

Mario Bocola – Fare solo progetti a scuola è un male, creano disorientamento negli alunni e li allontanano dallo studio delle discipline. Occorre ridurli drasticamente a favore di una didattica seria e a misura dell’alunno. Non si può fare solo una scuola di progetti tralasciando o meglio sacrificando le discipline.

È ora di tornare a fare didattica quella che ha funzionato per oltre settanta anni e che poi è stata cestinata perché vecchia ed obsoleta non adatta al progettificio..

La scuola italiana è distrutta, vilipesa, annientata, sbeffeggiata, torturata, ridotta a brandelli, avendo persino perso persino i suoi connotati di istituzione e di formazione navigando in un immenso mare di progetti.

Progetti di tutte le specie e le fatture che sottraggono tempo alla didattica “vera”, quella cioè che deve formare il futuro cittadino, l’uomo competente e preparato ad affrontare le sfide del complesso mondo dell’esistenza. Torniamo con urgenza a riscoprire il valore vero, autentico e reale della didattica, di quella didattica, cioè, che trasmette saperi, conoscenze da tradursi in abilità e non lasciamoci naufragare in quella miniera di progetti che ogni giorno vengono diramati alle scuole. I nostri alunni non sanno più coniugare i verbi, non sanno leggere, non sanno scrivere una frase semplice, non conoscono le regole elementari le la scuola di oggi che fa: continua a fare un mare di progetti che non accrescono affatto le abilità linguistiche e comunicative ma stanno solo affossando la scuola facendole perdere sempre più i suoi connotati di luogo di crescita e di conoscenze. Continua a leggere

Un “io in relazione”, anche nella scuola

39029

23/01/2014 – Un incontro in Duomo con l’Arcivescovo di Milano, Angelo Scola. A tema, l’educazione nel mondo della scuola. In un dialogo serrato, il Cardinale ha voluto ricondurre tutti alla vera natura dell’insegnamento: «Non una tecnica, ma un’arte».

di Daniela Castagnetti

Milano, 22 gennaio. Una tiepida serata invernale. Siamo otto insegnanti, colleghe legate da un’amicizia cordiale che negli anni si è consolidata nel lavoro in un prestigioso liceo milanese. Veniamo da esperienze diverse: chi attiva in parrocchia, chi del movimento, chi in cerca come a tentoni del senso nella vita. Continua a leggere

Come trattiamo i nostri figli?

mamma-scrive-a-sindaco-per-chiedere-dove-i-figli-possono-giocare-a-palla

È necessario proporre un nuovo modello formativo che possa risolvere la crisi educativa delle nuove generazioni e ricordare ai genitori le proprie responsabilità verso i figli.

di Don Anderson Alves

Attualmente si avverte sempre più una crisi educativa, una “intensa” crisi educativa. Ad un livello generale è possibile constatare che la soglia media di educazione è drasticamente diminuita con la conseguenza di grosse difficoltà nella realizzazione del processo di formazione dei giovani. Sia i bambini che gli adolescenti imparano sempre meno. Continua a leggere