Giovanni Lindo Ferretti: «Ho visto Ratzinger, ammiro Bergoglio»

giovanni-lindo-ferretti1302515972

di Giovanni Lindo Ferretti*
 
È l’accettarne tanto la dimensione di dolore e fatica quanto l’occasione di meraviglia a rendere la vita un dono prezioso che ogni giorno si rinnova. Nel suo mistero, se accettato, c’è la continua quotidiana dimostrazione di cosa significhi conversione, convertirsi. Ho incontrato Benedetto XVI, Papa emerito, mai l’avrei immaginato o considerato possibile fino a quando mi è stato chiesto, in dimensione realistica anche se teorica: – vorresti incontrarlo? -. Un concatenarsi inarrestabile di pensieri e ricordi. Breve riepilogo. Era cardinale, prefetto della Congregazione della Fede, io vivevo secondo modi e ritmi che più passava il tempo più si rivelavano angusti. Senza soddisfazione. Potevo ricondurre tutte le mie scelte di vita all’impatto adolescenziale con il mondo moderno. «I can’t get no satisfaction» cantavano i Rolling Stones ed io ne fui rapito ma ero cresciuto nella tradizione cattolica, avevo imparato e sperimentato molte cose. Una primogenitura, una dote, che alla prova dei fatti si sarebbero dimostrate inalienabili. Continua a leggere

Libri. “Barbarico” di Giovanni Lindo Ferretti: il manifesto antimodernista

Giovanni Lindo Ferretti

«L’errore in cui abitiamo risale al 1789 e deriva dal rifiuto dell’Eterno che è altro e risponde a nozioni differenti, legate alla parte più segreta dell’anima umana». È una delle frasi contenute nel nuovo libro di Giovanni Lindo Ferretti “Barbarico” (Mondadori, pp.136, €13): cattolico, italico, romano, montano, avrebbe voluto chiamarlo lui ma si sa, la lunghezza dei tempi è dettata dai 160 caratteri di Twitter e si rischia la distrazione.

Inutile dilungarsi sulla storia della “conversione”, sul passato punk, sull’eversione politica trasformatasi in tradizionalismo comunitario, è storia già scritta. Continua a leggere

Giovanni Lindo Ferretti: “Avevo perso la fede ma la fede non ha mai perso me”

lindo-ferretti-319x214

Il cantante, storica voce dei CCCP oggi PGR, racconta la sua vita da bestemmiatore e la conversione. L’incontro con Dio è stato un “ritorno a casa”
 
[di Luca Marcolivio, tratto da Zenit.org]
 
Da rocker comunista e “bestemmiatore di professione” a cantore della gloria di Dio. Non ha affatto rinnegato il suo passato, né tantomeno la sua personalità e la sua arte ma da circa una decina d’anni a questa parte, Giovanni Lindo Ferretti è un uomo nuovo.

Il sessantenne cantante emiliano, storico fondatore dei CCCP-Fedeli alla linea e del Consorzio Suonatori Indipendenti (CSI), oggi leader dei Per Grazia Ricevuta (PGR), ha reso testimonianza lo scorso 3 maggio, presso la Congregazione dell’Oratorio San Filippo Neri, nell’ambito del IV ciclo di incontri Narrar degli uomini, parlar di Dio, realizzato in collaborazione con l’Associazione Bomba Carta. Continua a leggere

Quel mistero che si rigenera ad ogni nascita

Dal crinale. A cura di Giovanni Lindo Ferretti

Tutto intorno riluce bellezza; sulle cime chiazze di neve, trame di verde in tonalità pallide risalgono i crinali e nei prati, ovunque si posi lo sguardo, fioriscono gialli sgargianti. Una giornata di sole già caldo, un vento ancora freddo; ben vestito sbuffo appena comincio ad affaccendarmi, tolgo il giubbotto e mi gela il sudore addosso. Non c’è soluzione. Il fuori e il dentro coincidono e posso solo rimirare la mia inadeguatezza… Continua a leggere

Giovanni Lindo Ferretti

L’EX CANTANTE PUNK FILOSOVIETICO GIOVANNI LINDO FERRETTI RACCONTA IN UN’INTERVISTA LA STORIA DELLA SUA VITA CAMBIATA

La comunione dei santi resiste anche all’invasione dei media

di Andrea Possieri

Un ex cantante punk convertito al cattolicesimo o, più semplicemente, un punk cattolico. Giovanni Lindo Ferretti, spesso, viene presentato con questo ossimoro che si trasforma velocemente in un’etichetta dal sapore agrodolce. Prima di tutto, però, l’ex cantante dei “Cccp. Fedeli alla linea” è un “reduce” delle battaglie ideologiche del Novecento. Un superstite che ha “fatto la pace” con la propria famiglia e che è “tornato a casa” tra le montagne dell’appennino tosco-emiliano. Continua a leggere