Il grembo, custode della vita e del destino eterno

 Non esisteva l’ecografia nel 1505, eppure gli occhi della fede avevano già esplorato il mistero della vita. Certo: quello è il secolo in cui uomini coraggiosi e assetati di conoscenza contrattano i cadaveri con i becchini, al fine di esplorare il mistero del corpo umano. Tra questi ci sono Leonardo e Michelangelo, ma non sono i soli. I fratelli Strueb (non è chiaro se Jacob o Hans), artisti tedeschi vicini alla tradizione agostiniana, realizzano una delle più straordinarie Visitazioni della storia dell’arte.

Due donne s’incontrano, immerse nell’atmosfera dorata dei fondi medioevali. Dietro alla Vergine si scorge una montagna. È la montagna di Giuda, dove vive la cugina Elisabetta, ma è anche simbolo di quel Dio d’Israele che, apparso sul monte Sinai a Mosè, ora si sta rivelando al mondo intero in un volto umano. Dietro a Elisabetta, invece, c’è una casa. Lei è la donna del Patto, la donna della Casa d’Israele, da lei uscirà quell’Elia che i profeti avevano promesso, appunto, alla casa di Giacobbe: Giovanni Battista. Continua a leggere

I bambini “ascoltano” la musica e cantano già nella pancia della mamma

feto

Lo dimostra uno studio dell’Institut Marques (FOTO, VIDEO)

È possibile ascoltare una sonata di Bach o l’ultimo pezzo di Kenye West ancora prima di venire al mondo. Come? Attraverso il Babypod, cioè un dispositivo che viene inserito nella vagina delle neo mamme per iniziare a comunicare con il proprio piccolo o, cosa molto importante, testarne l’udito.

Gli scienziati del Istitut Marques di Barcelona, attraverso delle ricerche, hanno dimostrato che il feto, custodito nel grembo materno, è in grado di rilevare i suoni già alla 16 settimana di gestazione. Continua a leggere

Il Papa: “La vita va difesa dal grembo materno fino alla sua fine”

797c1336ca

Nella Giornata per la Vita appello pro life di Papa Francesco all’Angelus. Il Pontefice poi tende la mano a chi negli ultimi giorni è stato colpito dalla violenta ondata di maltempo.

“La vita va difesa dal grembo materno fino alla sua fine su questa terra”. Appello pro-life di papa Francesco all’Angelus. “Oggi si celebra in Italia la Giornata per la Vita, che ha come tema “Generare futuro“- afferma il Pontefice a piazza San Pietro – Rivolgo il mio saluto e il mio incoraggiamento alle associazioni, ai movimenti e ai centri culturali impegnati nella difesa e promozione della vita. Mi unisco ai vescovi italiani nel ribadire che ogni figlio è volto del Signore amante della vita, dono per la famiglia e per la società”. Continua a leggere

Papa Francesco, vita umana da difendere sin dal concepimento

fd80b35a58

La famiglia come centro nella difesa della vita

Messaggio del Pontefice in occasione della Settimana nazionale della famiglia, che si e’ aperta ieri in Brasile. “La famiglia è patrimonio dell’umanita’ intera”
 
La vita umana “deve essere sempre difesa, sin dal grembo materno, riconoscendovi un dono di Dio e garanzia del futuro dell’umanita’”. Lo afferma Papa Francesco, in un messaggio in occasione della Settimana nazionale della famiglia, che si e’ aperta ieri in Brasile.

“Care famiglie brasiliane”: cosi’ comincia il messaggio di Papa Francesco che sottolinea come conservi ancora “vive nel cuore le gioie ricevute” durante il suo viaggio in Brasile per la Gmg. Continua a leggere

I bambini odorano, sentono e gustano nel grembo materno

Annie-Murphy-Paul_feto_olfatto-615x380

Nell’autunno del 2011, la scienziata e scrittrice Annie Murphy Paul ha tenuto una conferenza  alla Technology, Entertainment, Design Conference (TED) a Edimburgo, in Scozia, che dimostra con estrema chiarezza che un bambino non ancora nato è una persona con capacità cognitive ed emotive  fin dalle prime fasi.

Basato sul suo libro Origins, Murphy spiega che il bambino nel grembo materno, assorbe tutte le informazioni e queste influenzano la sua vita una volta nato. Ecco alcuni stralci:

Prima di tutto, imparano a riconoscere il suono delle voci delle loro madri … E poiché il feto la accompagna in tutte le ore, senta la sua voce molto. Continua a leggere

E’ sempre uno di noi

Novembre è il mese in cui si celebra l’anniversario della Dichiarazione universale dei diritti del fanciullo votata dall’Assemblea dell’Onu il 20 novembre 1989.

Nel contesto di una generale dimenticanza dei bambini non ancora nati risuona l’appello di Giovanni Paolo II: “Io chiedo che il bambino il quale si forma nel corpo della madre, venga riconosciuto uomo a tutti gli effetti… Salvate l’uomo non ancora nato dalla minaccia dell’uomo nato, che si arroga il diritto di toccare e uccidere la vita di un bambino nel grambo materno!”

Clicca qui per leggere l’articolo pubblicato da Avvenire