Marx, il bisogno di liberazione e il suo inganno

Karl Marx (1818-1883)

Karl Marx (1818-1883)

Come si spiega l’insopprimibile esigenza di liberazione dell’io, se questo è un mero prodotto della sfera economica? A 200 anni dalla nascita di Marx.
 
C’è un problema irrisolto che riemerge ogni qual volta si pensi all’eredità teorica e politica di Marx. Si tratta di un’aporia che sta alla confluenza delle due prospettive aperte dal pensatore di Treviri: una grandiosa promessa di liberazione della soggettività umana, e insieme un’analisi di previsione dell’andamento economico delle società capitalistiche.

Marx ha guardato — con un’acutezza e una passione pari solo a quelle di Nietzsche e di Freud — al destino di alienazione degli esseri umani nell’epoca della mercificazione planetaria. Il punto sta in uno scambio di “soggetti”, e va compreso a partire da Hegel, dal quale Marx ha imparato la struttura dialettica del pensiero e del mondo. Hegel riteneva che il soggetto “assoluto” della storia fosse lo Stato (l’Idea fatta mondo), mentre la vita dei soggetti empirici, che si organizzano concretamente nella famiglia e nella società civile, risulterebbe solo un attributo “accidentale” di quel soggetto. Marx vuole invertire questo “misticismo logico”: ciò che è “più profondo” è la realtà finita e materiale, e la sua organizzazione economico-sociale, non più ridotta a semplice attributo dell’Idea (lo Stato), ma viceversa come ciò da cui l’Idea dev’essere prodotta.

E se in un primo momento l’alienazione da smascherare è quella della religione, la quale nasce da un’espropriazione storico-materiale, e insieme è utilizzata per coprire o sublimare tale situazione; ben presto “la critica del cielo si trasforma nella critica della terra” (Critica della filosofia hegeliana del diritto pubblico). L’alienazione religiosa va compresa come alienazione economica del lavoro, a partire dai Manoscritti economico-filosofici del 1844. Continua a leggere