«I cristiani vanitosi sono come bolle di sapone»

santam_300

Guardiamoci dalla vanità che ci allontana dalla verità e ci fa sembrare una bolla di sapone. E’ quanto affermato da Papa Francesco nella Messa mattutina a Casa Santa Marta.

Se tu “non hai qualcosa di consistente, anche tu passerai come tutte le cose”. Papa Francesco ha preso spunto dal Libro del Qoelet per soffermarsi sulla vanità. Una tentazione, ha osservato, che non c’è solo per i pagani ma anche per i cristiani, per le “persone di fede”. Gesù, ha rammentato, “rimproverava tanto” quelli che si vantavano. Ai dottori della legge, ha soggiunto, diceva che non dovevano “passeggiare nelle piazze” con “vestiti lussuosi” come “principi”. Quando tu preghi, ammoniva il Signore, “per favore non farti vedere, non pregare perché ti vedano”, “prega di nascosto, va nella tua stanza”. Lo stesso, ha ribadito il Papa, va fatto quando si aiutano i poveri: “Non far suonare la tromba, fallo di nascosto. Il Padre lo vede, è sufficiente”: Continua a leggere

Papiro con la moglie di Gesù? Un falso bello e buono

topic

Ecco le prove che svelano l’inganno costruito da un abile falsario

Il “Vangelo della moglie di Gesù” è quasi certamente un falso. L’ennesima conferma, come scrive Tempi il 6 maggio, arriva da uno studio appena pubblicato da Christian Askeland, un ricercatore americano dell’Indiana Wesleyan University, specializzato in versioni copte del vangelo di Giovanni. Il testo scritto su un papiro risalente al 700 – 800 dopo Cristo e scoperto due anni fa dall’Harvard Divinity School, in cui si legge “Gesù disse loro: vi presento mia moglie”, sarebbe in realtà l’opera di un falsario degli anni 2000.

Diverse incongruenze
In uno studio giudicato legittimo e interessante dalla stessa autrice della scoperta del papiro, Karen King, Askeland ha dimostrato che il “vangelo della moglie di Gesù” è un falso grazie alla comparazione con un secondo frammento, una versione copta del vangelo di Giovanni, acquistato da Harvard insieme al frammento sulla moglie di Gesù e poi pubblicato sull’Harvard Theological Review. Continua a leggere

“Un inganno studiato da menti perverse ?” Il parere di Padre Livio di Radio Maria sulla “illuminazione” della statua

3752825378

La vicenda della illuminazione della statua della Madonna presso la vecchia abitazione di Vicka Ivankovic a Medjugoje, che da Lunedì sera 23 settembre sta facendo il giro del mondo, ha destato stupore ma anche tante perplessità. E’ il caso, quest’ultimo, di chi conosce da molto vicino (e lo diffonde con passione da sempre) il fenomeno delle apparizioni di Medjugorje: padre Livio Fanzaga, direttore di Radio Maria.
Pubblico di seguito il suo comunicato pubblicato sul sito di Radio Maria:

 
Cari amici,

alcuni di voi mi hanno chiesto un parere sulla statua della Madonna di Lourdes, situata nella casa natale di Vicka (ora non più abitata, ma aperta ai visitatori), che al buio emana una luce verdastra dal manto e dalla veste bianca, ma non dal volto e dalla mani (color rosato), dalla fascia blu, dalla corona del rosario e dalla corona sopra il capo ( color giallo). Continua a leggere

«​Potrebbero dirmi fondamentalista, ma è il Vangelo»

164994_519808484744604_1341671360_n

Papa Francesco ha ribadito nuovamente oggi il messaggio dell’istruzione “Dominus Iesus” e cioè che Cristo è l’unico Salvatore.
“Qualcuno di voi – ha commentato nell’omelia della messa di questa mattina a Santa Marta – dirà: ‘Padre, lei è fondamentalista!’. No – ha chiarito – semplicemente questo l’ha detto Gesù: ‘Io sono la porta’, ‘Io sono il cammino’, per darci la vita. Semplicemente. È una porta bella, una porta d’amore, è una porta che non ci inganna, non è falsa. Sempre dice la verità. Ci sono forse ‘sentierì più facili, ma – ha scandito – sono ingannevoli, non sono veri: sono falsi. Soltanto Gesù è la strada”. Continua a leggere