Dobbiamo svegliarci perché è già tardi!!

mani-bambini-300x220

[dal sito Cavalieri della luce]
 
Questa mattina ho avuto sottomano contemporaneamente due articoli. Mentre li leggevo ho sentito salire dentro di me una forte inquietudine che ben difficilmente provo leggendone alcuni tutti i giorni.

Uno è tratto da Città Nuova: Il sesso all’asilo (p. 20); l’altro dal sito Tempi riguarda un’intervista alla sociologa e critica letteraria Gabriele Kuby dal titolo: Il sesso selvaggio e il “gender” mirano a distruggere la famiglia e creare un nuovo ordine mondiale.

Il mio senso di inquietudine, se lo leggete, è assolutamente realistico e nasce dall’aver messo a fuoco come non mai ciò che sta avvenendo a livello mondiale e precisamente  il percorso particolarmente accelerato che l’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) ha dato ai nuovi orientamenti riguardanti l’educazione sessuale. Continua a leggere

“Inquieto è il nostro cuore finché non riposa in te”

Il video dell’omelia di Papa Francesco alla celebrazione Eucaristica di inizio del Capitolo Generale dell’Ordine di Sant’Agostino. Una riflessione sulle vite di Agostino e Monica e sulla “santa inquietudine” del Vescovo di Ippona.

“Ci hai fatti per Te e inquieto è il nostro cuore finché non riposa in te” (Le Confessioni, I,1,1). Con queste parole, diventate celebri, sant’Agostino si rivolge a Dio nelle Confessioni, e in queste parole c’è la sintesi di tutta la sua vita. Continua a leggere

Scalfari domanda, il Papa ha già risposto

img-_innerArt-_eugenio-scalfari

di Massimo Introvigne
 
Quando ho letto che il 7 agosto Repubblica aveva proposto quattro domande cui Papa Francesco dovrebbe rispondere, mi sono allarmato. Considerati i precedenti di quel quotidiano in tema di domande, ho subito pensato a quesiti sulle frequentazioni notturne di qualche monsignore. La lettura dell’articolo di Eugenio Scalfari mi ha un po’ rassicurato: la «lobby gay» non c’entra. Tuttavia, più che domande, si tratta di affermazioni. La quarta «domanda», più che al Papa, va posta ai sociologi della religione, e – avendo qualche titolo per intervenire – proverò a dire la mia. Le altre tre meritano pure un commento, perché ci dicono molto sulla psicologia di un’intera categoria, quella dei giornalisti laicisti di cui Scalfari è esimio – e, a suo modo, tipico – rappresentante. Continua a leggere