«Io, davanti al Papa testimone della fede»

img-_innerArt-_l43-papa-francesco-bergoglio-130314073923_big

di Andrea Tornielli

La prima cosa che balza agli occhi, avendo avuto l’immeritato regalo di poter stare a tu per tu con Papa Francesco, è l’assoluta mancanza di qualsiasi distanza e la sua capacità di mettere a proprio agio l’interlocutore. Ma subito dopo, a colpire, è il suo sguardo di fede, la sua capacità di parlare della fede toccando il cuore delle persone, con semplicità e profondità.

È stata questa l’esperienza che ho potuto vivere nel corso dell’intervista sul Natale che gli ho fatto la scorsa settimana e che è stata pubblicata domenica 15 dicembre su «La Stampa» (clicca qui per leggerla). Continua a leggere

Quando spunta l’anima di un bambino

Il comico e attore Giacomo Poretti, del trio "Aldo Giovanni e Giacomo"

Il comico e attore Giacomo Poretti, del trio “Aldo Giovanni e Giacomo”

L’anima la “fa” Dio, ma c’è una responsabilità di chi genera ed educa.
Un simpaticissimo articolo di Giacomo Poretti.

****

Viaggio tra dubbi ed emozioni
di un papà che vuole
aiutare i figli a crescere

 
di Giacomo Poretti
 
Appena nacque nostro figlio, venne a trovarci in ospedale un carissimo amico, mio e di mia moglie, un vecchio sacerdote che qualche anno prima ci aveva sposati: padre Bruno. Non seppe resistere alla tentazione, e come tutti gli anziani che si trovano davanti a un neonato, cominciò a sorridergli e a scherzare con la voce, prima in falsetto, poi con un timbro baritonale, infine, imitando una papera, cercò di attirare l’attenzione di quell’esserino che aveva solo qualche ora di vita. Continua a leggere

Aborto, l’eterno tabù che lacera la coscienza cattolica

Salvador_aborto_Chiesa-615x380

NDR: Sul Corriere della Sera e sul web è stato segnalato il caso pietoso della giovane che in Salvador rischia di morire perché la legge e i preti le vietano l’aborto. Viste le sfacciate bugie che sono state divulgate in occasione della morte di Savita, in Irlanda, qualche mese fa, ci riserviamo di indagare per i nostri lettori e sapere come stanno veramente le cose dal punto di vista medico. Intanto vi segnaliamo il pezzo che segue, pubblicato dalla Stampa, che spiega chiaramente la posizione della Chiesa: non si può considerare – tra due vite – una più degna di essere tutelata rispetto ad un’altra. I medici devono prodigarsi per salvarle entrambe, finché è possibile. Quindi se il caso fosse veramente quello indicato dai media, nessun “prete” condannerebbe l’eventuale uccisione del bambino nel tentativo di salvare la vita della madre. Continua a leggere