Paola Bonzi: “La mia luce è ridare il sorriso alle mamme”

paola-bonzi_1261501

E’ non vedente da quando aveva 23 anni: insegnante e formatrice, ha fondato il Centro aiuto alla vita (Cav) presso la clinica Mangiagalli di Milano, per sostenere le donne che vogliono portare avanti la gravidanza tra mille difficoltà.
 
Una vita spesa per la vita: Paola Bonzi è inarrestibile nel suo impegno per la tutela delle mamme e dei loro bambini. Un impegno che le ha fatto meritare il prestigioso Ambrogino d’oro, il premio che ogni anno viene attribuito ai milanesi che si sono distinti in vari campi. «È stata una lieta sorpresa», commenta la Bonzi. «Mi ha fatto piacere, ma ora fa già parte dei ricordi e torno a guardare avanti ». Paola Bonzi, cieca da quando aveva poco più di vent’anni, è infaticabile nello svolgere un ruolo sociale sempre a favore di chi ha bisogno. Che si tratti dell’insegnamento come di una buona parola. Continua a leggere

Nel volto di una piccola creatura l’Italia che scrive un’altra storia

La geografia silenziosa dei 329 Centri che strappano figli all’aborto

Quando hanno bussato alle porte del mondo, le loro prospettive non erano delle migliori. Figli appena concepiti da immigrate, o disoccupate, o donne sole: l’esito più probabile della loro storia era di finire prima di cominciare. Ne sono nati, l’anno scorso, 10.078 grazie all’aiuto dei volontari dei Centri di aiuto alla vita; quei luoghi silenziosamente ma capillarmente operanti, in Italia, dove non si discute di etica, ma semplicemente alle donne incerte se tenere un figlio si tende una mano. Continua a leggere

Le storie parallele di due madri che hanno scelto di salvare due vite

Una mattina tranquilla al nostro Centro di Aiuto alla Vita Mangiagalli: un colloquio non difficile (una signora ci chiedeva di essere aiutata quando fosse nato il bambino con le cose necessarie), pubbliche relazioni alla ricerca di fondi che non sono mai sufficienti, qualche scheda di tipo anamnestico da concludere. Continua a leggere…

Paola Bonzi: «Lasciare un figlio nelle ruote degli esposti è meglio che abortire»

Un neonato è stato abbandonato venerdì nella ‘Culla della Vita’, la riedizione della ‘Ruota degli Esposti’ installata nel 2007 alla clinica Mangiagalli di Milano.
Propongo un’intervista a Paola Bonzi (del Cav Mangiagalli) su questo argomento (e sulla decisione dell’Onu di eliminare le culle). Continua a leggere…