Metodi naturali, terapia per l’intera vita di coppia

COPPIA010__46577328_300

di Luciano Moia

Coppie più consapevoli, più informate, più generative, più dialoganti, più flessibili nell’affrontare i momenti di crisi. Non serve la bacchetta magica per ottenere questa terapia vincente per le crisi coniugali. Basta frequentare per almeno dodici mesi uno dei corsi proposti dalla Confederazione italiana dei centri per la regolazione naturale della fertilità. Lo spiega il primo dossier realizzato tra le coppie che hanno accettato di raccontare il loro approccio ai metodi naturali.

Denominazione che oggi, alla luce di quanto sta emergendo dal Congresso mondiale in corso a Milano – a cui prendono parte oltre cento esperti provenienti dai cinque continenti – appare un po’ riduttiva. Come completamente fuori strada risulta ormai chi pensa ancora che i “metodi” siano una sorta di procedura anticoncezionale di ispirazione cattolica. Continua a leggere

Il dono della fecondità. Due testimonianze

Quando la semplice osservazione ed il rispetto per ciò che la natura rende possibile in noi riesce a vincere persino la sterilità di coppia.
Ecco le testimonianze di Matteo e Lucia, marito e moglie.

 

Testimonianza della madre.

Dagli interventi medicalizzati alla scoperta di se stessi per imparare ad accogliere un dono

Vorrei iniziare questa testimonianza premettendo che siamo genitori di uno splendido bambino venuto alla luce ad Ottobre 2014. Il nostro bimbo ha dato un nuovo significato alla nostra vita e anche alla nostra storia d’amore. Ho accettato con entusiasmo l’invito di Carla Rossi, che mi ha chiesto di scrivere la testimonianza sulla nostra storia. In realtà con il nostro racconto vorremmo essere utili a tante altre coppie che stanno vivendo il desiderio di diventare genitori, ma che a quanto pare per la medicina sono troppo vecchie per poter procreare naturalmente.

Io e mio marito ci siamo conosciuti cinque anni fa e ci siamo sposati quarantenni nel 2012, e subito dopo abbiamo iniziato a cercare il nostro bambino. Non eravamo più giovanissimi e pertanto non dovevamo perdere tempo o meglio questo era il mio pensiero, perché mio marito molto più cautamente diceva che non dovevamo correre e che dovevamo solo starcene tranquilli. Continua a leggere

La disinformazione dei vaticanisti su Francesco e la contraccezione

Francesco aereo

(da UCCR,  22.01.15)
 
Durante il Sinodo della Famiglia gli opinionisti si sono scatenati a chi la sparava più grossa, a chi trovava la più grande (e presunta) rivoluzione di Francesco. Il premio per il miglior opinionista-disinformatore lo avevamo assegnato allo storico Franco Cardini che arrivò a sostenere che dopo il Sinodo era impossibile opporsi alle nozze gay: «Il cattolico da ora non potrà più farsi scudo della sua fede come alibi per contrastare quelle misure civili volte a rendere possibile e giuridicamente riconosciuta una unione anche fuori dai limiti matrimoniali, persino una unione tra persone dello stesso sesso».

In questi mesi Francesco, forse stufo di questa strumentalizzazione, ha spinto l’acceleratore sui temi etici. In poco tempo ha condannato ogni ridefinizione del matrimonio naturale, ha proclamato il diritto dei bambini di crescere con un padre e una madre maturando «nella relazione, nel confronto con ciò che è la mascolinità e la femminilità», ha condannato aborto e eutanasia come «falsa compassione» e «peccati contro il Creatore», invitando platealmente i medici a praticare l’obiezione di coscienza.  Continua a leggere

Paternità responsabile. Humanae Vitae: quello che dice davvero

famiglia375responsabile01_300

Nel 1968, anno in cui fu pubblicata l’enciclica di Paolo VI “Humanae vitae” (firmata il 25 luglio), il mondo stava attraversando profonde trasformazioni e la scienza stava cominciando a “mettere le mani” sui meccanismi della procreazione. Papa Montini volle rispondere alle nuove sfide nella consapevolezza che la questione non riguardava solo il “costume” ma tirava in ballo il futuro dei popoli.

Nel 1963 Giovanni XXIII aveva istituito una Commissione che si occupasse delle “nuove questioni riguardanti la vita coniugale, e in particolare una retta regolazione della natalità”: Paolo VI raccolse i risultati del lavoro di quegli esperti e diede le sue risposte definitive a queste “gravi questioni” proprio nell’Humane vitae, un documento di 31 paragrafi, divisi in tre parti Continua a leggere

Le parole di Papa Francesco su “paternità responsabile” e “vie lecite”: nulla di nuovo sotto il sole

Matrimonio-300x200

Conviene leggere le parole del Papa sulla “paternità responsabile” andando direttamente alla fonte (la trascrizione integrale del testo dell’intervista in aereo) ed ignorare accuratamente frasi e titoloni di giornali che, come sempre, ne stravolgono il significato:
 

Papa Francesco: «L’apertura alla vita è condizione del Sacramento del matrimonio. Un uomo non può dare il sacramento alla donna e la donna darlo all’uomo se non sono in questo punto d’accordo, di essere aperti alla vita. A tal punto che, se si può provare che questo o questa si è sposato con l’intenzione di non essere aperto alla vita, quel matrimonio è nullo, è causa di nullità matrimoniale, no? L’apertura alla vita, no? Paolo VI ha studiato questo con una commissione, come fare per aiutare tanti casi, tanti problemi, problemi importanti che fanno l’amore della famiglia (Papa Francesco si riferisce qui alla Humanae Vitae di Paolo VI, ndr). Problemi di tutti i giorni. Tanti, tanti, no?, ma c’era qualcosa di più. Continua a leggere

Humanae vitae: via naturale dell’amore. Le ragioni di una scelta

images

La Confederazione Italiana dei Centri per la Regolazione Naturale della Fertilità sottolinea il valore e l’attualità di questo metodo

Roma, 09 Ottobre 2014 (Zenit.org)
 
La Confederazione Italiana Centri per la Regolazione Naturale della Fertilità, la cui presidente è Giancarla Stevanella, in occasione del Sinodo sulla famiglia e della prossima beatificazione di Paolo VI, ha offerto un contributo alla riflessione sull’attualità della sua enciclica profetica, con un documento dal titolo “Humanae vitae: via naturale dell’amore. Le ragioni di una scelta”, di cui offriamo una breve selezione.

***

La Confederazione Italiana dei Centri per la regolazione naturale della fertilità si sente chiamata in questo particolare momento storico a prendere posizione – per quanto le compete – dinanzi al dibattito scaturito in occasione del sinodo sulla famiglia, e in particolare circa la dottrina esposta in Humanae Vitae. Continua a leggere

“Mi innamorai del corpo che Dio aveva creato per me”

safe_image

La testimonianza di Whitney Belprez, da agnostica a cattolica disobbediente divenuta poi obbediente
 
Roma, 21 Settembre 2014 (Zenit.org)
 
Una famiglia mezza protestante e un battesimo alle spalle del quale non conosce assolutamente il significato: questo era il punto di partenza da cui prende avvio l’esperienza cristiana di Whitney Belprez, oggi sposata e madre di famiglia. Non aveva idea di che cosa fosse la Bibbia o il Vangelo, né conosceva alcun insegnamento della Chiesa. Neppure immaginava come fosse fatta una chiesa, se la prima volta che vi entrò, dopo essersi messa seduta, si meravigliò per la comodità dei banchi, dotati nientedimeno di quelli che per lei erano dei confortevoli poggiapiedi. Continua a leggere