L’ecologia non ideologica

Roma 18-6-2015 Conferenza stampa di presentazione dell' Enciclica di Papa Francesco " Laudato si" Ph: Cristian Gennari/Siciliani

Massimo Introvigne commenta la nuova enciclica del Papa sul “Mattino” di Napoli del 19 giugno
 
Con la sua seconda enciclica, «Laudato si’», la più lunga pubblicata da un Pontefice, Papa Francesco propone un grande affresco della crisi del mondo contemporaneo, di cui la crisi ecologica è insieme segno ed effetto. Comprensibilmente, molti commenti si concentrano sul primo capitolo, che presenta una sintesi della ricerca scientifica contemporanea sull’ambiente e adotta anche la teoria controversa del riscaldamento globale come fenomeno ampiamente causato dall’uomo, che non manca di detrattori anche tra gli studiosi cattolici. Tuttavia il Papa ripete più volte nel documento che «la Chiesa non pretende di definire le questioni scientifiche», «non ha motivo di proporre una parola definitiva e capisce che deve ascoltare e promuovere il dibattito onesto tra gli scienziati, rispettando le diversità di opinione». Continua a leggere

L’insostituibile rapporto madre – bambino

madre_bambino 
Ora che il dibattito sulle “famiglie” occupa un posto centrale nella politica, nei media, sui giornali, e che molti sono distratti dal clamore mediatico, è indispensabile tornare ad analizzare la realtà delle cose: essa ci racconta in mille modi quel rapporto profondo, insostituibile, iscritto nel corpo e nell’anima, nella natura insomma, che si crea tra un figlio e i suoi genitori biologici: madre e padre. Innumerevoli dettagli di carattere biologico, psicologico e morale ci dicono che il figlio è fatto per stare con la sua mamma e il suo papà, e che i genitori biologici devono (o dovrebbero) rimanere entrambi uniti ai figli. Continua a leggere

La difficile arte di educare

8879421

di Giovanni Covino

«L’uomo è un essere culturale». Spesso abbiamo letto o sentito questa definizione, una definizione vera, ma che necessita di spiegazioni; occorre, infatti, chiarire, specie in relazione al problema dell’educazione, perché al sostantivo uomo possiamo accostare l’aggettivo culturale. Una simile definizione può, invero, significare tutto e niente: tutto se viene ben intesa la natura dell’uomo, niente se tale natura viene miseramente lasciata in balia di dottrine infondate.Non basta acquisire informazioni, essere in possesso di un cospicuo numero di dati per essere un uomo di buona cultura; in altri termini, dire uomo di cultura non equivale a uomo con una conoscenza sterminata, ma più semplicemente (e direi essenzialmente), significa essere un uomo ben formato, le cui conoscenze sono indirizzate al vero fine, al perfezionamento del proprio essere. Continua a leggere

Il comico norvegese che ha fatto chiudere il Nordic Gender Institute

harald-eia

Il documentario sul “paradosso norvegese” racconta la debolezza della teoria gender davanti alle evidenze della natura umana.
 
La bellezza salverà il mondo ma anche l’ironia ha il suo posto in questo arduo compito. Un esempio?
Il comico norvegese Harald Eia ha girato un documentario (mandato in onda nel 2010) che ebbe l’effetto di sospendere i finanziamenti statali al centro Nordic Gender Institute.

Il centro, come scrive Tempi il 30 maggio, sosteneva la “teoria gender” secondo cui donne e uomini sono diversi solo dal punto di vista fisico, mentre le differenze di attitudini, comportamenti e inclinazioni sarebbero il frutto di un’imposizione sociale e culturale da eliminare. Continua a leggere

Presentati i nuovi dati sui metodi naturali come rimedio all’infertilità: hanno successo nel 71 per cento dei casi

ecografia

Hanno il 40 per cento di successo in più rispetto alla fecondazione in vitro che è invasiva, frustrante e costosa. Intervista a Elena Giacchi, ginecologa del centro studi e ricerche dell’Università Cattolica.

I metodi naturali dimostrano un’efficacia crescente nella risoluzione delle patologie dell’infertilità. Al contrario avviene per le tecniche di fecondazione in vitro che hanno un’efficacia minore, non curano le malattie e prevedono percorsi invasivi, frustranti e costosi. A dirlo sono i risultati di un protocollo presentato dalla dottoressa Elena Giacchi, ginecologa del centro studi e ricerche per la regolamentazione naturale della fertilità dell’Università Cattolica. I dati sono stati presentati durante il convegno “La ricerca della gravidanza nell’infertilità di coppia” (28 febbraio – 1 marzo, Roma). Continua a leggere

Sì, la scienza ha da dire

logoavvenire

La differenza sessuale e i figli
 
Oggi si parla spesso di omosessualità, di omogenitorialità. Esse vengono rivendicate come scelte personali che di fatto mettono da parte la sessualità biologica. Ma la scienza e gli scienziati non hanno niente da dire? Perché non parlano?». È una domanda che mi è stata rivolta e mi ha fatto riflettere. Forse gli scienziati non ne parlano perché il carattere biologico della eterosessualità è una ovvietà. Sorprende però non poco la sua negazione per un travisamento delle cose, frutto di ideologie, di una cultura disancorata dalla natura. La differenza sessuale è alla base della riproduzione nel mondo dei viventi ed è determinata geneticamente. La differenza riguarda non solo gli organi deputati alla riproduzione, ma alcune caratteristiche biologiche, che possono essere più o meno marcate in relazione all’attività endocrina; come pure essa può riguardare tendenze e comportamenti tipici dei due sessi. Continua a leggere

Papa Francesco nella giornata Onu dell’Ambiente parla di “ecologia umana”: «La persona è in pericolo»

Udienza generale di Papa Francesco

All’udienza generale il pontefice non si limita a un generico richiamo al rispetto dell’ambiente. Ma, nel solco di Benedetto XVI, parla di «custodia del creato» e della «logica della creazione»
 
Papa Francesco nell’udienza generale di oggi ha affrontato il tema del creato, visto che oggi è la Giornata Mondiale dell’Ambiente, un evento promosso dalle Nazioni Unite.
«Quando parliamo di ambiente, del creato – ha esordito papa Francesco – il mio pensiero va alle prime pagine della Bibbia, al Libro della Genesi, dove si afferma che Dio pose l’uomo e la donna sulla terra perché la coltivassero e la custodissero (cfr 2,15). E mi sorgono le domande: Che cosa vuol dire coltivare e custodire la terra? Noi stiamo veramente coltivando e custodendo il creato? Oppure lo stiamo sfruttando e trascurando? Continua a leggere

La contraddizione di chi nega una morale naturale universale

Relativismo

di Francesco Agnoli* *scrittore e saggista

Cos’è il bene e il male, chiedono i relativisti? In ogni tempo, ci dicono, l’uomo ha ucciso rubato, ferito, schiavizzato, ucciso i suoi figli con l’infanticidio, praticato la poligamia… Come si può allora dire che esiste una morale naturale universale?  Per i pagani la schiavitù era naturale, per i cristiani no; per tutto il mondo antico, come ben evidenzia Peter Singer, l’infanticidio era lecito: perché, continua sempre Singer, dovrebbero avere ragione coloro che condannano tale pratica e non coloro che la hanno sempre praticata? Continua a leggere

BB, lezione sull’eutanasia

imagesCAG77XMY

di Fabio Spina

Dopo l’attore Gerard Depardieu, anche la famosissima attrice, quasi ottantenne, Brigitte Bardot ha minacciato di chiedere la nazionalità russa se le autorità francesi decideranno di praticare l’eutanasia a due elefanti malati di Lione, Baby e Nepal. Lo ha annunciato l’attrice in un comunicato firmato personalmente. Convinta animalista, Brigitte si è schierata in difesa degli animali dopo che la Francia ha varato una legge che prevede l’eutanasia per quelli sofferenti o moribondi. Continua a leggere

Il Cattolico in Politica

cattolico_in_politica2

Il punto di vista dell’arcivescovo Crepaldi sui principi non negoziabili fa pensare e discutere

di Stefano Fontana

ROMA, Monday, 31 December 2012 (Zenit.org).

Esce la seconda edizione di un libro fortunato, che ha avuto una notevole accoglienza e ha suscitato vive discussioni: “Il Cattolico in Politica” . Questa nuova edizione (Cantagalli, Siena 2012) contiene un’ampia Introduzione e due Appendici, tra cui il corposo articolo sui principi non negoziabili pubblicato da mons. Giampaolo Crepaldi su “Il Foglio” del luglio 2011.
L’Introduzione è da considerarsi un vero e proprio saggio dedicato proprio ai principi non negoziabili. Continua a leggere

Il Papa alla Curia Romana: “nella lotta per la famiglia è in gioco l’uomo stesso”

Papa Benedetto XVI

Nel tradizionale discorso natalizio rivolto ai membri del Collegio Cardinalizio e della Curia Romana, Benedetto XVI ha ripercorso alcuni degli eventi più significativi di quest’anno, dai viaggi in Messico, Cuba e Libano all’Incontro Mondiale delle Famiglie di Milano e, ancora, il Sinodo per la Nuova evangelizzazione e l’Anno della Fede nel 50.mo del Concilio.
Cuore del discorso: la vera essenza della libertà umana e la difesa della famiglia in cui si gioca il destino dell’uomo.
Ne riporto di seguito quasi integralmente il testo. Continua a leggere