Francesco apre i lavori: «Non siamo un parlamento che cerca compromessi»

2015-10-05T074017Z_869468426_GF10000232649_RTRMADP_3_POPE-SYNOD-kpzF-U10601583743899GXG-700x394@LaStampa.it

“Il Sinodo non è un parlamento, dove per raggiungere un consenso si patteggia, si negozia e si cerca un compromesso” ma “l’unico metodo del sinodo è quello di aprirsi allo Spirito santo con coraggio apostolico, umiltà evangelica e orazione fiduciosa”. Papa Francesco ha aperto oggi con questa raccomandazione la prima sessione del Sinodo ordinario sulla famiglia (4-25 ottobre).

Di seguito il testo completo:
 

Cari Beatitudini, Eminenze, Eccellenze, fratelli e sorelle,

La Chiesa riprende oggi il dialogo iniziato con la convocazione del Sinodo Straordinario sulla famiglia – e certamente anche molto prima – per valutare e riflettere insieme sul testo dell’Instrumentum laboris, elaborato a partire dalla Relatio Synodi e dalle risposte delle Conferenze Episcopali e degli organismi aventi diritto. Continua a leggere

Papa Francesco: «Non si può fare la “macedonia”: O Cristo o il mondo»

Papa Francesco in udienza speciale con gli studenti delle scuole dei Gesuiti

Seguire Cristo non significa eseguire un serie di precetti: «È una conversione». E per farlo occorre aprire il cuore alla salvezza e alle beatitudini. Cioè essere uomini liberi
 
Papa Franceco, questa mattina nell’omelia alla Messa alla Casa Santa Marta, ha iniziato parlando di una parola («consolazione») che ritorna spesso all’inizio della seconda Lettera ai Corinzi di san Paolo. Paolo si rivolge «ai cristiani giovani nella fede» che «hanno incominciato da poco la strada di Gesù». Persone «normali», ma che «avevano trovato Gesù». È questo incontro che le cambia, che opera in loro una trasformazione. È la «forza speciale di Dio» che è per loro forza di consolazione cioè «la presenza di Dio nel nostro cuore». Tutto ciò basta? No, perché, ha aggiunto il pontefice «è necessario aprire la porta» cioè è necessaria la nostra «conversione». Continua a leggere