Il Papa: cure fino alla fine per Charlie. Il Bambino Gesù: venga da noi a Roma

Il Papa: cure fino alla fine per Charlie. Il Bambino Gesù: venga da noi a Roma

Papa Francesco interviene nuovamente sulla vicenda del piccolo Charlie esprimendo la propria vicinanza ai genitori. Anche Trump pronto ad aiutare: contatti per trasferirlo negli Usa.
 
Papa Francesco interviene nuovamente sulla vicenda del piccolo Charlie, il bimbo di 10 mesi ricoverato in un ospedale a Londra per una malattia rara definita incurabile. I medici staccheranno la spina in breve tempo: la data era stata già stabilita per venerdì, poi ai genitori è stato concesso un ultimo periodo per accommiatarsi dal figlio. L’appello del Papa è che si ascolti la volontà dei genitori. “Affetto e commozione”: con questi sentimenti Francesco sta seguendo la vicenda del piccolo Charlie Gard. Lo ha riferito il direttore della Sala Stampa vaticana, Greg Burke. Il Papa “esprime la propria vicinanza ai suoi genitori” e prega per loro “auspicando che non si trascuri il loro desiderio di accompagnare e curare sino alla fine il proprio bimbo”. Continua a leggere

In Vaticano presentazione ufficiale della canzone “Amico Papa” del cantautore Franco Nocchi

papa-Francesco

Ricevo e volentieri condivido:
 

Il ricavato della pubblicazione sarà interamente devoluto all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

Il giorno 11 aprile 2014, alle ore 11.00 nella sala del C.I.A.M in Vaticano avrà luogo la conferenza stampa di presentazione ufficiale della canzone “Amico Papa” dell’artista pisano Franco Nocchi. La canzone vuole essere un omaggio alla grandezza dimostrata dal Santo Padre, un omaggio che, forse in modo solo apparentemente casuale, cade proprio nel periodo dell’anniversario del Suo primo anno di Pontificato. Nel testo in ben tre passaggi si possono infatti ascoltare direttamente la sua voce e le sue parole rivolte al mondo. La voce di Sua Santità è utilizzata con l’approvazione, oltre che il plauso e la piena collaborazione, della Libreria Editrice Vaticana e di Radio Vaticana. Continua a leggere