Francesco e Kirill: “La famiglia si fonda sul matrimonio tra un uomo e una donna”

2016-02-13_002212 

Il 12 febbraio Cuba è stata testimone di un avvenimento atteso da mille anni: il primo incontro fra il capo della Chiesa di Roma e quello della Chiesa ortodossa russa, accompagnato dalla firma di una importante dichiarazione congiunta. Tale documento, se da un lato riconosce che permangono ancora “ostacoli” alla piena unità tra le due Chiese, dall’altro richiama “l’immutabilità dei principi morali cristiani” basati sul rispetto della dignità della persona “secondo il disegno del Creatore”. Emergono in particolare: la difesa della famiglia naturale e l’inviolabilità della vita umana dal concepimento alla morte naturale. Parole a cui i media non hanno dato risonanza, ma che a Cuba sono risuonate forti e chiare.  Continua a leggere

La Russia nel quadro delle apparizioni di Fatima

untitled

Intervista a padre Mario Piatti icms, direttore del mensile “Maria di Fatima”

di Luca Marcolivio

I recenti sviluppi nell’Europa dell’Est hanno ravvivato il dibattito sulla profezia mariana di Fatima sulla consacrazione della Russia al Cuore Immacolato di Maria. Per approfondire il tema ZENIT ha incontrato padre Mario Piatti IMCS, sacerdote dei Servi del Cuore Immacolato di Maria e direttore della rivista Maria di Fatima, organo ufficiale di stampa della Congregazione.

Negli ultimi anni si fa un gran parlare delle profezie di Fatima, in particolare riguardo alla Russia: cosa avvenne veramente e cosa disse davvero la Madonna? Continua a leggere

“I militi ignoti della fede”. Pupi Avati porta in tv i martiri cristiani dell’Europa comunista

popieluszko1

Da Popieluszko al cardinal Mindszenty, da don Findysz al vescovo Ploscaru: 14 documentari su Tv2000 raccontano la Chiesa dell’Est negli anni della cortina e di Giovanni Paolo II.
 
Le omelie di padre Popieluszko, il carcere del cardinale Mindszenty, le lettere di don Ladislao Findysz. Le vite dei martiri cristiani dell’Est Europa risplendono tra le pagine grigie della storia sovietica del secondo dopoguerra, assieme alle tante vicende sconosciute dei «militi ignoti della grande causa di Dio» (così li definì papa Wojtyla): suore, frati e laici di cui poco si è sempre saputo, ma che, con la loro fede, hanno permesso alla Chiesa di rimanere in vita al di là della cortina. A tutti loro è dedicato il ciclo di documentari in onda da questa sera 8 novembre su Tv2000. La serie, intitolata proprio I militi ignoti della fede, è ideata dal giornalista Lorenzo Fazzini e realizzata niente meno che dal regista Pupi Avati: 14 puntate da un’ora ciascuna che saranno trasmesse ogni venerdì in prima serata, più altre 14 in programma per il 2014. Continua a leggere