Quali matrimoni sono validi per la Chiesa?

v8awdowzhh3iip1wpdbt-tapsoqevj5nnikv_qvivetcts2cih80xtzxhzuey68dajmn5giw3xiujuo7b9hgzpfb_pe

Il teologo Nicola Reali spiega quando il matrimonio naturale è anche un sacramento
 
«La Chiesa, conviene ricordarlo, ha sempre riconosciuto l’esistenza di un vero matrimonio naturale tra due non battezzati. Sin dagli inizi dell’umanità tali alleanze tra un uomo ed una donna che corrispondevano al piano creatore di Dio erano e sono benedette (Gen 1, 27-28). Tra i veri matrimoni, quindi, anche oggi nel mondo ci sono moltissimi naturali, tra non battezzati, ed altri sacramentali contratti tra i battezzati che comportano una grazia speciale (Instrumentum Laboris 57). “La serietà dell’adesione a questo progetto e il coraggio che essa richiede si lasciano apprezzare in modo speciale proprio oggi” (Instrumentum Laboris 57)». Continua a leggere

Udienza generale. Papa Francesco: “il matrimonio è l’icona dell’amore di Dio con noi”

Pope delivers blessing during general audience in St. Peter's Square at Vatican

Il Papa all’udienza generale ha concluso il ciclo di catechesi sui Sacramenti parlando del Matrimonio. “Questo Sacramento – ha detto – ci conduce nel cuore del disegno di Dio, che è un disegno di alleanza col suo popolo, con tutti noi, un disegno di comunione. All’inizio del libro della Genesi, il primo libro della Bibbia, a coronamento del racconto della creazione si dice: «Dio creò l’uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò: maschio e femmina li creò … Per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie, e i due saranno un’unica carne» (Gen 1,27; 2,24)”.

A braccio ha proseguito: “L’immagine di Dio è la coppia matrimoniale, è l’uomo e la donna, tutti e due, non soltanto il maschio, l’uomo, non soltanto la donna, no: tutti e due. E questa è l’immagine di Dio, e l’amore, l’alleanza di Dio con noi è lì, è rappresentata in quell’alleanza fra l’uomo e la donna. Continua a leggere

Udienza generale. Il Papa: l’Unzione degli infermi non è tabù, è Gesù che visita il malato

1_0_776594

Bellissime parole del Papa all’Udienza generale di oggi riguardo all’Unzione degli Infermi. Parole che chiariscono alcuni equivoci ricorrenti su questo importante Sacramento.

***

“Nel momento del dolore e della malattia noi non siamo soli”. Attorno a questo concetto Papa Francesco ha sviluppato l’udienza generale di questa mattina in Piazza San Pietro. Davanti a circa 50 mila persone, il Papa ha incentrato la sua catechesi sul Sacramento dell’Unzione degli infermi, invitando a considerarla nella sua verità: come presenza di Gesù accanto al malato e non come un gesto tabù, da evitare per scaramanzia. Di seguito, ampi stralci delle parole di Papa Francesco:

“Vorrei parlarvi del Sacramento dell’Unzione degli infermi, che ci permette di toccare con mano la compassione di Dio per l’uomo. In passato veniva chiamato “Estrema unzione”, perché era inteso come conforto spirituale nell’imminenza della morte. Parlare invece di “Unzione degli infermi” ci aiuta ad allargare lo sguardo all’esperienza della malattia e della sofferenza, nell’orizzonte della misericordia di Dio. Continua a leggere

La Cerca della Bellezza

arscercagraal

di Stefano Chiappalone
 
“…avvertiamo il valore di testimoniare nelle nostre società l’originaria apertura alla trascendenza che è insita nel cuore dell’uomo” (Papa Francesco)
 
La ricerca della bellezza non è superflua, né priva di riflessi sulla vita – e infatti noi senza accorgercene la ricerchiamo, anche nella scelta dell’arredamento o dell’abbigliamento. Immaginiamo di eliminare tutto ciò che consideriamo bello nella nostra vita quotidiana e questa non sarà più tanto differente da un lager… Al contrario questo pellegrinaggio è una necessità innata, che conferisce senso alla vita, è in grado di appagarci e di guarire le ferite dell’anima, e più che una semplice ricerca si configura come una “Cerca”, proprio come quella del Santo Graal, con la quale ha molte cose in comune (forse perché, in ultima analisi, è la stessa cosa…): Continua a leggere

Matrimonio, famiglia, cura pastorale dei divorziati: articolo di mons. Müller sull’Osservatore Romano

jpg_1350631

Il Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, monsignor Gerard Ludwig Müller, con un ampio documento pubblicato ieri sull’Osservatore Romano, intitolato “La Forza della Grazia”, conferma la posizione della Chiesa Cattolica circa la questione dei fedeli divorziati risposati.

Il matrimonio tra un uomo e una donna battezzati è un sacramento che tocca la realtà personale, sociale e storica dell’uomo: si apre così l’articolo di mons. Müller che, in modo dettagliato, richiama i principali documenti della Chiesa sull’argomento. A partire dai Vangeli di Marco, Matteo e Luca, si comprende come il patto che unisce intimamente e reciprocamente i due coniugi è istituito da Dio stesso, segno dell’alleanza di Cristo e della Chiesa, mediazione della grazia di tale patto. Continua a leggere

L’Unzione degli Infermi

unzww

dal Catechismo della Chiesa Cattolica

1499 « Con la sacra Unzione degli infermi e la preghiera dei presbiteri, tutta la Chiesa raccomanda gli ammalati al Signore sofferente e glorificato, perché alleggerisca le loro pene e li salvi, anzi li esorta a unirsi spontaneamente alla passione e alla morte di Cristo, per contribuire così al bene del popolo di Dio ».96

I. Suoi fondamenti nell’Economia della salvezza

La malattia nella vita umana

1500 La malattia e la sofferenza sono sempre state tra i problemi più gravi che mettono alla prova la vita umana. Nella malattia l’uomo fa l’esperienza della propria impotenza, dei propri limiti e della propria finitezza. Ogni malattia può farci intravvedere la morte. Continua a leggere

Il Papa alla Rota Romana: la carenza di fede può ferire la validità del matrimonio

imma20

Magistrale discorso di Benedetto XVI alla Rota Romana. Non si può non riportare tutto, anche per l’importanza che merita l’argomento.

*****

Cari Componenti del Tribunale della Rota Romana!

È per me motivo di gioia ritrovarvi in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario. Ringrazio il vostro Decano, Mons. Pio Vito Pinto, per i sentimenti espressi a nome di tutti voi e che contraccambio di cuore. Continua a leggere