San Filippo Neri

San_Filippo_Neri

Firenze, 1515 – Roma, 26 maggio 1595
 
Filippo Neri nasce a Firenze il 21 luglio 1515, e riceve il battesimo nel “bel san Giovanni” dei Fiorentini il giorno seguente, festa di S. Maria Maddalena.
La famiglia dei Neri, che aveva conosciuto in passato una certa importanza, risentiva allora delle mutate condizioni politiche e viveva in modesto stato economico. Il padre, ser Francesco, era notaio, ma l’esercizio della sua professione era ristretto ad una piccola cerchia di clienti; la madre, Lucrezia da Mosciano, proveniva da una modesta famiglia del contado, e moriva poco dopo aver dato alla luce il quarto figlio.

La famiglia si trovò affidata alle cure della nuova sposa di ser Francesco, Alessandra di Michele Lenzi, che instaurò con tutti un affettuoso rapporto, soprattutto con Filippo, il secondogenito, dotato di un bellissimo carattere, pio e gentile, vivace e lieto, il “Pippo buono” che suscitava affetto ed ammirazione tra tutti i conoscenti. Continua a leggere

A Sua Immagine: Alla scoperta dei luoghi di San Filippo Neri a Roma

10628070_727716837295407_2862858718085615701_n

Una bella puntata di “A Sua Immagine” dedicata alla figura di San Filippo Neri. Con la partecipazione del mitico Padre Maurizio Botta e del cantautore Angelo Branduardi che nel 1983 ha scritto la colonna sonora del film di Luigi Magni su San Filippo Neri.

Buona visione!

-> www.rai.tv

 

Preferisco il Paradiso. Film completo

420px-Preferisco_il_Paradiso

(Tratto da Il Centro culturale Gli scritti)

Riprendiamo dal sito ufficiale della Procura Generale della Confederazione dell’Oratorio di San Filippo Neri un articolo a commento della serie televisiva “Preferisco il Paradiso” (con Gigi Proietti), basata sulla biografia di San Filippo Neri e andata in onda su Rai 1 il 20 e il 21 settembre 2010. (In basso il video completo, in due parti, della miniserie).

***

Chi vuol conoscere lo svolgimento storicamente documentato della vita di san Filippo Neri, non lo cerca, certo, in una fiction televisiva, che si esprime nel linguaggio del suo genere e risponde ad esigenze ben diverse da quelle della storiografia. Continua a leggere

San Filippo Neri

San_Filippo_Neri

Firenze, 1515 – Roma, 26 maggio 1595

Filippo Neri nasce a Firenze il 21 luglio 1515, e riceve il battesimo nel “bel san Giovanni” dei Fiorentini il giorno seguente, festa di S. Maria Maddalena.
La famiglia dei Neri, che aveva conosciuto in passato una certa importanza, risentiva allora delle mutate condizioni politiche e viveva in modesto stato economico. Il padre, ser Francesco, era notaio, ma l’esercizio della sua professione era ristretto ad una piccola cerchia di clienti; la madre, Lucrezia da Mosciano, proveniva da una modesta famiglia del contado, e moriva poco dopo aver dato alla luce il quarto figlio.

La famiglia si trovò affidata alle cure della nuova sposa di ser Francesco, Alessandra di Michele Lenzi, che instaurò con tutti un affettuoso rapporto, soprattutto con Filippo, il secondogenito, dotato di un bellissimo carattere, pio e gentile, vivace e lieto, il “Pippo buono” che suscitava affetto ed ammirazione tra tutti i conoscenti. Continua a leggere

La mormorazione

imagescah197ur1-e1342039412518

“La mormorazione è un vizio volontario che fa morire la carità” (S. Pio da Pietralcina).

Uno dei peccati per cui Padre Pio negava l’assoluzione era quello della mormorazione o maldicenza nella quale incorrono spesso anche quelli che si reputano cristiani praticanti. Egli si mostrava severo con quelli che, forse senza rendersene conto del tutto, offendevano la giustizia e la carità. Disse ad un penitente: «Quando tu mormori di una persona vuol dire che non l’ami, l’hai tolta dal tuo cuore. Ma sappi che, quando togli uno dal tuo cuore, con quel fratello se ne va anche Gesù».

Una volta, invitato a benedire una casa, arrivato all’ingresso della cucina, disse: «Qui ci sono i serpenti, non entro». E ad un sacerdote, che spesso vi si recava a mangiare, disse di non andarci più, perché lì si mormorava. Nella mormorazione oltre a mancare di carità si esprimono giudizi, contravvenendo a quanto dice Gesù: «Non giudicate». (Lc, 6,37) Continua a leggere…