La scuola cattolica è una risorsa per tutta la società

topic

Galantino: “Rispettare il principio di sussidiarietà”. L’opuscolo Unar? “Frutto della presunzione del pensiero unico”

“La scuola cattolica, risorsa educativa della Chiesa locale per la società”: è questo il titolo della Nota pastorale curata dalla Commissione episcopale per l’educazione cattolica, la scuola e l’università approvata dal Consiglio permanente della Conferenza epsicopale italiana riunito a Roma dal 24 al 26 marzo. La nota arriva in un momento di gravi preoccupazioni sul futuro delle scuole cattoliche in Italia stretto tra un insufficiente riconoscimento del principio di sussidiarietà, i tagli dei finanziamenti e la contrazione del personale religioso che fino ad oggi ne ha assicurato in larga parte il funzionamento. Tutto questo nonostante, come viene evidenziato, la funzione assicurata dalle scuole cattoliche assicuri un significativo risparmio anche sul piano economico per lo Stato e in altre nazioni, anche più “laiche” come la Francia il sostegno sia significativamente maggiore. Aleteia ne ha parlato con il segretario generale della Cei, appena confermato da Papa Francesco per il prossimo quinquennio, mons. Nunzio Galantino. Continua a leggere

Attacco ONU alla Chiesa: si alza l’asticella di una guerra ideologica e dottrinale

topic

Il rapporto del Comitato per i Diritti del Fanciullo, fondato su osservazioni per lo più superficiali e contraddittorie, è un esempio di ingerenza dottrinale che ha radici profonde.

Ai tempi della scuola chi non si è imbattuto nei propri libri di storia in lunghi capitoli che raccontavano del “secolarismo” della Chiesa, pronti a combattere gli Stati d’Europa per difendere o ampliare i territori dello Stato Pontificio? Ai giorni nostri, invece, ci siamo abituati ad assistere al fenomeno opposto, e cioè ad un costante assedio da parte del “pensiero unico” laico ai territori che la Chiesa ancora conserva come i propri, quelli ideali della morale e della dottrina. Il rapporto del Comitato per i Diritti del Fanciullo diffuso il 5 febbraio scorso, un documento di sedici pagine che vuole valutare la conformità dello Stato della Città del Vaticano rispetto alla Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia, è solo l’ultimo attacco, e di certo il più eclatante, che arriva dal pulpito laico più condiviso del pianeta. Continua a leggere

La nuova autorità morale: l’Onu

onu-298x300

di Elisa Calessi

Sono allergica a complotti e complottisti. Fino a qualche giorno fa, sentendo parlare di organismi internazionali impegnati a diffondere teoria gender, seguita dalla triade matrimoni gay, adozioni gay, maternità surrogata, reagivo perplessa. Per capirci: sì vabbè, ma non esageriamo.

Ultimamente, però, comincio a ricredermi. Leggo sul Foglio dell’educazione sessuale che viene impartita nelle scuole francesi, fin dagli asili, fatta di lezioni su masturbazione, conoscenza dei genitali maschili e femminili, metodi contraccettivi, gravidanze precoci. Leggo che in 30 asili svizzeri sono arrivati modellini-pupazzo con la forma dei genitali maschili e femminili che vengono dati a bambini di due anni per spiegare loro come ci si riproduce, come si prende piacere eccetera. Ripeto: bambini di due anni. Continua a leggere

Attacco totalitario al libero credo

Schermata%202014-02-06%20a%2019_48_55

Onu vs libertà religiosa, il manifesto intollerante e pol. corr.

(da Il Foglio, 7.02.14)

Per giudicare dell’attendibilità, dell’indipendenza e dell’imparzialità della Comitato dell’Onu “per i diritti del fanciullo” che mercoledì ha sferrato il suo attacco in 67 punti al Vaticano, accusato in un rapporto di non rispettare svariati aspetti della Convenzione delle Nazioni unite sui diritti dell’infanzia, il sociologo cattolico Massimo Introvigne invitava ieri sulla Bussola quotidiana a considerare il fatto che “uno dei diciotto membri, che ha funzione di vice-presidente, è stato designato dall’Arabia Saudita”. Noto esempio, ironizza Introvigne, “di tutela dei diritti umani in genere e di quelli dei bambini – e delle bambine – in specie”, che ben si accompagna alla “personalità più in vista, influente e nota del Comitato, la peruviana Susana Villarán, sindaco di Lima e cattolica ‘adulta’”, nota per il suo “attivismo a favore del ‘matrimonio’ omosessuale, dell’ideologia di genere e dell’aborto”. Continua a leggere

Abusi, l’Onu attacca la Santa Sede

LapresseFo_40798370_300

Il 16 gennaio la Santa Sede aveva spiegato alle Nazioni Unite in modo completo ed esauriente la propria politica in fatto di abusi sui minori. La risposta dell’Onu è giunta oggi, 20 giorni dopo, con toni estremamente severi. Al Vaticano il Comitato Onu sui diritti dei bambini chiede di rimuovere «immediatamente» dall’incarico chi ha commesso abusi sessuali sui bambini, e persino chi ne è sospettato. Il Comitato afferma di essere «profondamente preoccupato per il fatto che la Santa Sede non abbia riconosciuto la portata dei crimini commessi, non abbia adottato le misure necessarie per gestire i casi di abusi sessuali su minori e proteggere i bambini, e abbia adottato politiche e pratiche che hanno portato alla prosecuzione degli abusi e all’impunità dei colpevoli». Continua a leggere

L’ignoranza religiosa ostacola la piena realizzazione dell’uomo

17ff32e9c1

Nell’udienza ai vescovi francesi in visita ad Limina, il Papa esorta a riaffermare l’urgenza di una nuova Evangelizzazione per contrastare la diffusa ignoranza della fede

C’è un angoscioso dilemma nel nostro tempo attuale che impedisce la piena realizzazione di una nuova Evangelizzazione: l’ignoranza religiosa.

È questa “uno dei più gravi problemi della nostra epoca”, nonché “uno degli ostacoli più forti alla missione pastorale” secondo quanto ha affermato Benedetto XVI nell’Udienza di stamane al terzo gruppo di vescovi della Conferenza Episcopale di Francia in visita ad limina. Continua a leggere