“Manuale di volo per uomo”: uno spettacolo che fa bene all’anima

Simone Cristicchi ci cattura, ci coinvolge e ci trasporta con la sua umanità semplice.
 
di Cristina Cappellini

(da alleanzacattolica.org)
 
Se determinati gesti o simboli hanno ancora un valore preciso (e chi scrive si augura che sia proprio così) le standing ovation che la platea sanremese del Teatro Ariston e quella milanese del Teatro Manzoni hanno riservato a Simone Cristicchi significano qualcosa in più del (seppur notevole) successo di una canzone o di uno spettacolo.

Non ero presente all’Ariston, ma ero al Manzoni, alcune sere fa, alla prima di Manuale di volo per uomo, il nuovo spettacolo di Simone Cristicchi, cantautore, attore, scrittore, disegnatore.
Ho assaporato la pièce dalla prima all’ultima scena e devo dire che non è stato per nulla difficile percepire il pathos creatosi in sala, minuto dopo minuto. Per questo mi viene da dire che, in fondo, il tributo spontaneo e commosso del pubblico non è stato solo un grande gesto di apprezzamento, ma soprattutto un segno di gratitudine e di condivisione. Ma voglio spiegarmi meglio.

Gratitudine perché Cristicchi ha saputo sì regalare al pubblico un piacevole, originale e intelligente spettacolo teatrale, ma di fatto ha offerto a tutti una grande lezione di vita. Un messaggio universale che non può lasciare indifferenti, soprattutto se raccontato con quell’onestà intellettuale, quell’umiltà e quella generosità (proprie sia dell’uomo sia dell’artista Cristicchi) che permettono di scavare ancora di più nel profondo rispetto agli eventi che si svolgono sul palcoscenico.

E arriviamo alla condivisione: di cosa? Anzitutto di un percorso umano, prima che artistico. Raffaello, il protagonista dello spettacolo, interpretato dallo stesso Cristicchi in un intenso monologo, a tratti ironico, a tratti drammatico, è di fatto il simbolo dell’uomo che soffre ma che allo stesso tempo riesce a dare un senso a ciò che accade attraverso la scoperta e lo stupore, la bellezza di cose semplici o apparentemente banali. Raffaello è un ragazzo particolare, ipersensibile, che però non si arrende alla durezza della vita, ma la rielabora dando valore a tutto ciò che, se osservato in un certo modo, può diventare importante, significativo. Continua a leggere

Cristicchi e quella poesia contemplata nel silenzio

Simone Cristicchi a Sanremo 2019

Il cantautore romano conquista l’Ariston con “Abbi cura di me”. Un’intima riflessione, tra fede e bellezza
 
Premio alla Miglior composizione e alla Miglior interpretazione. Un risultato non certo casuale ascoltando (e riascoltando) la sua canzone. Lui è un artista completo, un cantante dotato di un invidiabile timbro vocale ma, soprattutto, di una carica interpretativa fuori del comune. Simone Cristicchi, ancora una volta, è stato capace di regalare al Festival di Sanremo non solo una canzone di qualità ma l’ennesima grande interpretazione, intensa, emozionante, con un’intimità palpabile e che, in qualche modo, ne ha messo in evidenza la costruzione, avvenuta attraverso vere e proprie esperienze di vita. Abbi cura di me è riuscita a entrare nel cuore degli ascoltatori come accadde nel 2007, quando Cristicchi si aggiudicò la vittoria con Ti regalerò una rosa. Questa volta il successo, perlomeno in classifica, non è arrivato ma ancora una volta il cantautore romano è riuscito a far breccia nei cuori del pubblico, a fronte di un testo che in molti suoi passaggi risuona di atmosfere che rispecchiano indirettamente la realtà del nostro tempo ma, in qualche modo, anche l’antidoto ai suoi retaggi che, in molti casi, si nasconde nella fede.
 
“Un cristiano inconsapevole”

Cristicchi lo ha ripetuto più volte durante le sue interviste: “Le persone più gioiose e felici che ho incontrato, sono quelle appartate dal mondo, ma non per una questione di fuga o di snobismo. Nel silenzio ci si connette a qualcosa”. Quel “qualcosa”, secondo il cantautore, è da ricercare in un intimo confronto con se stessi, nel calarsi appieno nella bellezza di ciò che ci circonda, sganciando la nostra mente dalle costrizioni frenetiche del quotidiano: “Siamo invasi ogni giorno da mille progetti, da mille informazioni, mille immagini, siamo continuamente collegati e connessi con la realtà virtuale. Così si perde interesse per le grandi domande dell’esistenza”.  Continua a leggere