L’ospedale ripristina la nutrizione e l’idratazione per David Ruiz

Patricia Adames di 51 anni, ha combattuto instancabilmente per suo figlio David.
La donna ha denunciato tramite i social media la situazione in cui versava David, mostrandolo nella sua magrezza in foto e facendo anche un video in cui, il 24 gennaio, pronunciava queste parole: “Come potete vedere, il suo corpo è emaciato. Il suo corpo si sta letteralmente deteriorando, sta scomparendo davanti a noi perché gli viene negata la nutrizione. Sta morendo di fame in ospedale.”

David Ruiz, padre di tre figli, ha subito un ictus e una successiva lesione cerebrale che lo hanno lasciato in coma il 31 dicembre 2018.
I medici hanno poi dichiarato David cerebralmente morto circa due settimane fa, nonostante abbia contrazioni e riesca a muovere e sollevare le dita quando un familiare gli parla.
Patricia, con la figlia Diana, aveva già programmato di trasferire David in una struttura in grado di fornirgli assistenza a lungo termine.
Tuttavia, dopo quasi tre settimane senza nutrizione e adeguata idratazione, David è diventato troppo fragile per essere trasferito.
L’ospedale St. Joseph di Tucson, Arizona, aveva tolto la nutrizione a David e la maggior parte della sua idratazione il 9 gennaio 2019 adducendo come motivazione che cibo e acqua erano trattamenti medici “futili” a causa della situazione medica di David.

Steadfast Onlus, da sempre in prima linea nella difesa dei diritti umani, si è prontamente messa a servizio della famiglia e, in stretto contatto con Patricia e Diana, ha seguito l’evoluzione della vicenda portandola all’attenzione dei media italiani.
La famiglia ci ha avvisati che era riuscita a contattare Bobby Schindler, fondatore della rete Life and Hope Terri Schiavo, con il quale spesso abbiamo collaborato difendendo la vita e la dignità di altri pazienti malati a cui venivano negate le cure come Charlie Gard, Alfie Evans e Payton Summons solo per citarne alcuni.

Ieri, 28 gennaio 2019, Bobby Schindler con il direttore e avvocato della Life Legal Defense Foundation Alexandra Snyder ha avuto un incontro con gli amministratori ospedalieri per discutere riguardo la situazione di David Ruiz in cerca di una mediazione efficace che restituisse a David la dignità che merita. Continua a leggere

Usa, nuovo sacrificio in nome della qualità della vita

Flebo

Il Comunicato di Steadfast Onlus
 
“Nella Giornata della Memoria il silenzioso olocausto dei malati continua. Ci arriva dagli Stati Uniti un drammatico appello della famiglia di un malato che sta venendo lasciato morire di fame e di sete in un ospedale”. Così ieriEmmanuele Di Leo, presidente di Steadfast Onlus, organizzazione impegnata in prima linea per salvare la vita a Charlie Gard, Isaiah Haastrup e Alfie Evans, bambini inglesi morti in ospedale negli ultimi due anni. Di Leo prosegue: “Siamo in diretto contatto con la famiglia e la seguiremo passo passo in collaborazione con la Terri Schiavo Life & Hope Network, il cui presidente Bobby Schindler si recherà sul posto oggi. Abbiamo ricevuto le immagini della situazione attuale di David e abbiamo preferito non mostrarle al pubblico ma vi garantiamo che sono impressionanti e va trovata una soluzione con urgenza. Nuovamente un caso dove il valore della vita viene beffeggiato e una nuova vittima è in procinto di essere sacrificata sull’altare della qualità della vita. Steadfast come per Alfie, Charlie e Isaiah e i tanti bambini e famiglie che sosteniamo ogni giorno, darà tutto il supporto possibile per impedire questo nuovo sacrificio umano”.
 
La testimonianza della sorella

La sorella di David Ruiz II ha descritto così la situazione a Steadfast Onlus: “Il 31 dicembre. 2018, mio fratello David Ruiz II, ha avuto un ictus da anossia. È stato trasportato al pronto soccorso più vicino e poi trasferito in terapia intensiva. È entrato in coma con una grave compromissione neurologica con edema e crisi epilettiche. Il 13 gennaio 2019, è stato dichiarato cerebralmente morto, nonostante la sua reattività verso le voci di mia madre e di altre persone care con spasmi, sollevamento delle dita dei piedi, dei piedi e contrazioni della mano sinistra e delle dita. Più tardi abbiamo saputo che i medici hanno smesso di curarlo, nutrirlo, idratarlo e somministrargli farmaci e siamo stati informati che non se ne sarebbero più occupati. Continua a leggere

Thomas Evans, l’ultimo avventuriero del mistero di Alfie

La legge inglese non ha avuto la meglio sul fuorilegge che combatte per il mistero della vita dei propri figli. Premiato ad Atreju, il padre del piccolo inglese racconta perché non è ancora finita

di  

(tempi.it, 25.09.18)

«Mi chiamo Thomas Evans». Ha ancora tanto da fare, Tom, la legge non ha avuto la meglio sul fuorilegge, abile a dare pienezza a quel mistero che è stato il suo bambino Alfie Evans. Poco meno di due anni e neanche un secondo perso, se è vero che cercare di risolvere un mistero non ha a che fare con la perdita di tempo ma con l’essere uomo. «Mi chiamo Thomas Evans. Sono il papà di un bellissimo bambino di nome Alfie», e si commuove il papà increspando un sorriso davanti ai tantissimi venuti ad ascoltarlo ad Atreju, la convention politica organizzata dal 21 al 23 settembre all’Isola Tiberina da Fratelli d’Italia. «Alfie non è più con noi; la legge inglese non ci ha permesso di salvarne la vita».

DI COSA HA PAURA L’INGHILTERRA?L’ultima volta che Tom è stato a Roma ha incontrato papa Francesco, e qui, dove l’ospedale vaticano Bambino Gesù si era offerto di assisterlo fino all’ultimo respiro, sperava fosse portato Alfie. Così non è stato, «credo che gli inglesi fossero spaventati dal fatto che Alfie venendo qui potesse anche solo leggermente migliorare», spiega Tom a tempi.it. Spaventati: non lo erano abbastanza Tom e la sua compagna Katie quando i medici dell’Alder Hey di Liverpool parlarono loro di “best interest”, «nel caso di nostro figlio era semplicemente morire». Almeno non spaventati quanto i dottori, e poi i giudici, i tribunali: di cosa aveva paura l’Inghilterra quando rifiutò la disponibilità del Bambino Gesù, dell’ospedale di Monaco, dell’équipe del Besta e dell’ospedale Gaslini, quando vietarono agli Evans di trasferire il piccolo? Della vita “inutile” – così era stata definita in tribunale – di un bambino malato di 23 mesi? «Io credo – dice Tom – che in Inghilterra ci sia discriminazione nei confronti delle persone disabili. L’ospedale ha rinunciato a curare Alfie dall’inizio». Continua a leggere

Nasce la Fondazione Charlie Gard

The Charlie Gard Foundation

I genitori di Charlie Gard, Chris e Connie, hanno dato vita alla “Charlie Gard Foundation” per sostenere ricerca e famiglie con bambini affetti da malattie mitocondriali
 
Debora Donnini-Città del Vaticano
 
Avrebbe compiuto 1 anno solo una settimana dopo il piccolo Charlie, a cui il 28 luglio dello scorso anno venne interrotta la respirazione artificiale e così morì. Una vicenda che commosse il mondo: si verificò una battaglia legale di mesi tra i medici dell’ospedale londinese dove era in cura, da una parte, e, dall’altra, i genitori che volevano tentare una cura sperimentale. Una possibilità che gli venne negata da varie sentenze delle Corti britanniche, che avallarono la linea dell’ospedale. Da Papa Francesco al presidente degli Sati Uniti, Donald Trump, alle piazze fino ai Social si levarono appelli perché al piccolo fosse data una chance.

Alla fine, il danno muscolare sembrava troppo avanzato e i genitori a quel punto rinunciarono alla battaglia legale non senza denunciare i ritardi e ribadendo che si dovesse intervenire subito per tentare il tutto per tutto per salvare il piccolo: troppo tempo era stato perso. Una vicenda che, tra l’altro, non per il tipo di malattia, ma per la battaglia legale, la questione del miglior interesse e della qualità della vita, ricorda le successive storie di altri due bimbi inglesi: Isaiah Hastrup e Alfie Evans.
 
La Charlie Gard Foundation

Ora la missione con cui nasce la Fondazione Charlie Gard è quella di migliorare la qualità della vita dei malati mitocondriali, in modo specifico. Lo farà sia attraverso la ricerca innovativa sia attraverso il sostegno familiare. L’obiettivo è fornire speranza di un futuro migliore per questi bambini e di trovare cure nuove per determinati ceppi della malattia genetica, spiega Emmanuele Di Leo, presidente di Steadfast onlus, che ha collaborato e supportato i genitori dei tre bambini. Di Leo, tra l’altro, ci racconta che Chris e Connie sono molto riconoscenti all’Italia per quanto ha fatto per questi bambini malati. Continua a leggere