Papa Francesco: “La vita va tutelata dal concepimento al naturale tramonto”

Al Regina Coeli appello di Papa Francesco per la Repubblica Centroafricana colpita dalle violenze: «Costruire insieme la pace». «Dare ai malati, anche se terminali, tutta l’assistenza possibile. Accogliere sempre i nascituri»
 
(La Stampa, 06.05.18)
 
Appello di Francesco per la pace nella Repubblica Centrafricana e per «tutelare la vita dal concepimento al naturale tramonto». Durante il Regina Coeli in piazza San Pietro, il Pontefice ha invitato i 40mila fedeli presenti «a pregare per la popolazione della Repubblica Centrafricana, paese che ho avuto la gioia di visitare e che porto nel cuore, dove nei giorni scorsi sono avvenute gravi violenze con numerosi morti e feriti, tra cui un sacerdote». «Il Signore, per intercessione della Vergine Maria, aiuti tutti a dire no alla violenza e alla vendetta, per costruire insieme la pace», ha detto Papa Francesco.

Che, nella sua catechesi, si è soffermato sul tema dell’amore. Quello che «si realizza nella vita di ogni giorno, negli atteggiamenti, nelle azioni», altrimenti rimane «soltanto qualcosa di illusorio». È «importante prendere coscienza che l’amore di Cristo non è un sentimento superficiale, ma un atteggiamento fondamentale del cuore, che si manifesta nel vivere come Lui vuole», ha sottolineato il Papa.

Gesù, ha spiegato, «ci chiede di osservare i suoi comandamenti», che si riassumono in questo: «Che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi». Ma come fare perché questo amore che il Signore risorto ci dona possa essere condiviso dagli altri? «Più volte – ha precisato Bergoglio – Gesù ha indicato chi è l’altro da amare, non a parole ma con i fatti. È colui che incontro sulla mia strada e che, con il suo volto e la sua storia, mi interpella; è colui che, con la sua stessa presenza, mi spinge a uscire dai miei interessi e dalle mie sicurezze; è colui che attende la mia disponibilità ad ascoltare e a fare un pezzo di strada insieme». Continua a leggere

Tutela della vita. In Toscana concorso “words for life” per universitari

IMG_0021

Valore della vita umana, implicazioni culturali e spirituali della bioetica, tutela dei nascituri: sono questi i temi al centro dell’attenzione della nuova edizione del concorso “Words for life”, organizzato dal Movit di Firenze e Siena, grazie al finanziamento dell’Ardsu Toscana, ed aperto agli studenti universitari della regione.
Giunta al secondo anno, l’iniziativa ha come novità quella di non limitarsi solo ai fumetti, come nella prima edizione, ma di aprirsi a fotografie, elaborati scritti, componimenti musicali, cortometraggi. Movit Firenze e Siena, la realtà promotrice, è una associazione studentesca attiva nel dibattito all‘interno dell‘Università sulla bioetica e sul valore della vita umana con particolare riferimento ai momenti in cui essa è più fragile. Le produzioni dovranno rispecchiare la tutela della vita umana, con particolare riferimento ai momenti in cui essa è più fragile. È possibile partecipare con più opere (per un massimo di tre) e presentare lavori di gruppo. Il premio per il vincitore è un iPad Air Wi-Fi + Cellular 16gb. Gli elaborati dovranno pervenire al Movit entro il 1 Giugno 2015, secondo le modalità e i dettagli riportati nel sito.
 
(fonte: siallavitaweb.it)

 

Francia: no dei giudici a eutanasia di un malato

ospedalereims375_300

Il cuore del 38enne francese Vincent Lambert continuerà a battere. Ma per la seconda volta in 9 mesi, il paziente tetraplegico, in stato di coscienza minima da 5 anni a causa di un incidente stradale, potrà vivere solo grazie al verdetto di un tribunale amministrativo che ha dato ieri nuovamente ragione ai genitori del giovane e a quella parte del mondo medico transalpino scandalizzata dalla volontà dell’Ospedale universitario di Reims di arrestare l’alimentazione artificiale.

Da mesi, il “caso Lambert” suscita molto più che umana pietà. Fra i familiari del giovane, è nato un conflitto sulla “reale volontà” di Vincent, mai formalizzata per iscritto. A più riprese, la moglie ha chiesto la cessazione dell’alimentazione, in nome della «dignità». Continua a leggere

Papa Francesco: Difendere la vita dal concepimento alla fine naturale

Vaticano, l'udienza generale di Papa Francesco in Piazza San Pietro

Messaggio del Pontefice alla Giornata per la vita celebrata nelle Isole britanniche. «Anche i più deboli e i più vulnerabili sono capolavori della creazione di Dio»
 
In un messaggio ai cattolici di Irlanda, Scozia, Inghilterra e Galles, Papa Francesco invita a difendere la vita dal concepimento fino alla morte naturale. Il Pontefice – prendendo lo spunto dall’annuale Giornata per la vita celebrata nelle Isole britanniche in diverse date – sottolinea il “valore inestimabile della vita umana”: “Anche i più deboli e i più vulnerabili, i malati, gli anziani, i non nati e i poveri, sono capolavori della creazione di Dio, fatti a sua immagine, destinati a vivere per sempre, e meritevoli della massima riverenza e rispetto”. Il Papa eleva la sua preghiera affinché la Giornata “contribuisca ad assicurare che la vita umana riceva sempre la protezione che le è dovuta”. Continua a leggere